Diagnosticato il primo caso di vaiolo delle scimmie in Europa

La malattia, che di solito si sviluppa nell'Africa centrale e occidentale, è simile al vaiolo e può essere mortale.

0
vaiolo-scimmie

Il vaiolo delle scimmie è stato diagnosticato nel Regno Unito per la prima volta, secondo il Public Health England (PHE), il Dipartimento della Salute britannico.

La malattia, che di solito si sviluppa nell’Africa centrale e occidentale, è simile al vaiolo e può essere mortale.

Il vaiolo delle scimmie è stato riscontrato in un militare della marina: si trovava in una base navale in Cornovaglia prima di essere trasferito al Royal Free Hospital di Londra.

Il sintomo più comune di questa patologia è la presenza di eruzioni cutanee su tutto il corpo, che appaiono come vesciche piene di liquido.

Il paziente è residente in Nigeria e si ritiene che abbia contratto l’infezione prima di recarsi nel Regno Unito.

Il Dipartimento della Salute sta contattando le persone che potrebbero essere state in stretto contatto con il paziente, perché questo vaiolo può essere diffuso attraverso il contatto uomo-a-uomo. Di conseguenza, è scattata la quarantena per i passeggeri che hanno viaggiato sullo stesso volo che ha portato il contagiato in Regno Unito.

È importante sottolineare che il vaiolo delle scimmie non si diffonde facilmente tra le persone e il rischio è molto basso“, ha spiegato il dott. Nick Phin, vice direttore del servizio nazionale di infezione della PHE, a Express.

Il Dipartimento della Salute sta seguendo coloro che sono stati a stretto contatto con il paziente per offrire consigli e monitorarli se necessario. Seguiamo procedure di controllo delle infezioni ben consolidate per trattare casi di malattie infettive importate e queste saranno applicate rigorosamente per minimizzare il rischio di trasmissione“, ha aggiunto.

I primi segni premonitori di una infezione da vaiolo delle scimmie comprendono febbre, mal di testa intenso, mal di schiena e dolori muscolari.

Dopo che si è manifestata la febbre, i pazienti entrano nel “periodo di eruzione cutanea“, dove le eruzioni cutanee compaiono su tutto il corpo, a cominciare dal viso.

L’eruzione cutanea è più probabile che compaia sul viso, sulle mani e sulla pianta dei piedi.

Nella maggior parte dei casi, l’eruzione si sviluppa in vescicole – piccole vesciche piene di liquido – o pustole. Queste potrebbero cadere dalla pelle in circa 10 giorni.

Potrebbero, però, essere necessarie fino a tre settimane per la completa scomparsa delle croste.

Il dott. Michael Jacobs, direttore clinico del reparto infezioni del Royal Free Hospital, ha dichiarato: “Il vaiolo delle scimmie è, nella maggior parte dei casi, una condizione lieve che si risolve da sola e non ha effetti a lungo termine sulla salute di una persona. La maggior parte delle persone si riprende dopo alcune settimane. È una malattia rara ed è stata segnalata principalmente nei paesi dell’Africa centrale e occidentale. Non si diffonde facilmente tra le persone e il rischio di trasmissione è molto basso. Stiamo utilizzando rigorose procedure di isolamento in ospedale per proteggere il nostro personale e i pazienti“.

Il virus è solitamente diffuso agli esseri umani dagli animali infetti. Scimmie, scoiattoli e roditori sono stati segnalati per diffondere il virus.

Gli esseri umani infetti potrebbero anche diffondere la malattia. Il modo migliore per evitare l’infezione è lavarsi regolarmente le mani dopo essersi presi cura dei malati.

Commenti