Covid-19, i vaccini proteggono dalla variante Omicron? Le prime risposte

La variante omicron si sta diffondendo e il mondo scientifico sta sviluppando degli studi: i vaccini proteggono dalla variante?

Poiché la variante Omicron del coronavirus continua a essere trasmessa in tutto il mondo, una delle principali domande che il mondo scientifico si pone è se vaccini anti Covid-19 attualmente in commercio proteggono da questa variante.

I risultati degli studi di laboratorio che possono aiutarci a rispondere a questa domanda stanno già iniziando ad arrivare.

I vaccini anti Covid-19 proteggono dalla variante omicron?

Studi preliminari sugli anticorpi di Pfizer e BioNTech suggeriscono che due dosi del loro vaccino potrebbero non essere sufficienti per proteggere dall’infezione della variante di Omicron, hanno affermato le società l’8 dicembre in un comunicato stampa.

Tuttavia, hanno aggiunto che due dosi possono ancora fornire protezione contro malattie gravi, perché altri aspetti del sistema immunitario sono meno colpiti dalle mutazioni trovate in Omicron.

Inoltre, gli studi hanno dimostrato che una terza dose del vaccino ha fornito un livello di anticorpi neutralizzanti contro Omicron simile a quello di due dosi contro il ceppo originale del coronavirus e altre varianti.

Questo è solo uno studio e non è stato ancora sottoposto a revisione paritaria, quindi dovrebbe essere considerato con cautela.

Altri studi preliminari hanno trovato una serie di modi in cui Omicron potrebbe avere un impatto sulla protezione offerta dai vaccini anti Covid-19.

Man mano che ulteriori risultati verranno rilasciati nelle prossime settimane e riesaminati da altri scienziati, otterremo un quadro migliore di quanto bene i vaccini proteggano da infezioni, malattie gravi, ospedalizzazione e morte causate dalla variante Omicron.

Segni di aumento del rischio di reinfezione

Con Omicron, ci sono già segni che le persone che hanno già avuto il Covid-19 possono sviluppare più facilmente una reinfezione.

I ricercatori sudafricani hanno riferito mercoledì 1 dicembre che i dati oggi presenti suggeriscono che la variante ha una “sostanziale capacità di eludere l’immunità da una precedente infezione”.

Questo tipo di fuga immunitaria non è stato visto con le varianti Beta e Delta durante le prime ondate del paese.

Tuttavia, i ricercatori sudafricani non disponevano di informazioni sullo stato vaccinale delle persone con la variante Omicron, il che limita ciò che possono dire sull’efficacia dei vaccini.

“Non possiamo quindi fare alcuna valutazione sul fatto che Omicron sfugga anche all’immunità derivata dal vaccino”, ha affermato su Twitter l’autrice dello studio Juliet Pulliam, PhD, che dirige il Centro sudafricano per l’eccellenza nella modellazione e analisi epidemiologica presso la Stellenbosch University.

I risultati sono stati pubblicati sul server di prestampa medRxiv, quindi lo studio non è stato ancora sottoposto a revisione paritaria.

Questo è solo uno studio, quindi potrebbe non offrire nemmeno un quadro completo del comportamento di Omicron.

Gli scienziati dovranno esaminare la diffusione della variante in altri paesi, che hanno diversi tassi di vaccinazione e misure di sanità pubblica in atto.

Inoltre, cercheranno di controllare altri fattori che possono aumentare le possibilità di una persona di contrarre o sviluppare malattie gravi, come l’occupazione, altre condizioni mediche e la situazione di vita.

E valuteranno quali vaccini hanno ricevuto le persone, se erano completamente vaccinati, se hanno ricevuto un richiamo e quanto tempo è passato dall’ultima dose.

Questi studi richiederanno tempo.

Ci vorrà ancora più tempo per vedere se c’è un aumento dei ricoveri e dei decessi dovuti a Omicron, poiché questi sono in ritardo rispetto ai casi di diverse settimane.

Mentre sia la vaccinazione che l’infezione possono portare all’immunità contro il coronavirus, l’infezione comporta il rischio di malattie gravi.

Negli Stati Uniti, secondo i dati dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC), le persone che non sono vaccinate hanno 14 volte più probabilità di morire di Covid-19 rispetto alle persone che sono completamente vaccinate.

Alcune ricerche mostrano anche che la risposta immunitaria dall’infezione da coronavirus varia notevolmente tra le persone.

E, come la protezione anticorpale offerta dai vaccini, l’immunità acquisita dalle infezioni diminuisce nel tempo.

[Fonte: healthline.com]