Covid-19, sviluppato nuovo test che svela il virus in 1 secondo

La notizia si apprende dalla ricerca pubblicata questa settimana sul Journal of Vacuum Science & Technology B: i ricercatori dell’Università della Florida e della National Chiao Tung University di Taiwan riferiscono di aver creato un test rapido che rileva la presenza del virus SARS-CoV-2 in 1 secondo.

I tempi di rilevazione del virus si stanno accorciando e la sensibilità per i biomarcatori Covid-19 è sempre più alta. Le novità non finiscono qua: il test sarebbe in grado di rilevare qualsiasi tipo d’infezione, lo studio è partito – infatti – dalla ricerca dei biomarcatori rilevanti per il virus Zika (agente causale di una malattia virale acuta).

Un test molto veloce sarebbe la tecnologia benvenuta ovunque si verifichino focolai, purché sia ​​accurato, facile da usare e ampiamente accessibile“, ha detto a Healthline il dottor William Li, ricercatore Covid-19 e presidente e direttore medico della Angiogenesis Foundation.

Un rapido test Covid-19 sarebbe utile in uno studio medico, in una struttura di cure urgenti e in un Pronto Soccorso ospedaliero”, ha detto Li. “Ma potrebbe anche essere utile in aeroporto o in hotel al momento del check-in, o parte dell’autorizzazione a un cantiere o a un evento al chiuso come un concerto o un teatro. La chiave per i test Covid durante la pandemia è sempre stata l’accuratezza e la disponibilità.”

Come funziona il test

La nostra striscia biosensore ha una forma simile alle strisce reattive per il glucosio disponibili in commercio, con un piccolo canale sulla punta per introdurre il nostro fluido di prova. Con il micro canale, alcuni elettrodi sono esposti al fluido. Uno è rivestito con oro e gli anticorpi rilevanti per Covid-19 sono attaccati alla superficie dell’oro tramite un metodo chimico.”

Queste sono le parole di Minghan Xian, dottorando in ingegneria chimica presso l’Università della Florida, uno degli autori dello studio.

Questo potrebbe alleviare i problemi di tempi di consegna dei test COVID-19 lenti“, ha detto Xian.

Modificando il tipo di anticorpi attaccati alla superficie d’oro, possiamo riutilizzare il sistema per rilevare altre malattie“, ha detto Xian. “Il sistema può fungere da prototipo per sensori di biomarcatori proteici modulari ed economici per un utile feedback in tempo reale all’interno di cliniche, sale operatorie o a uso domestico“.

Le prospettive per il futuro non mancano, tuttavia ancora non c’è un progetto di commercializzazione piuttosto, i ricercatori, stanno cercando un’azienda per trasformare la tecnologia in un prodotto.