Covid-19, come si puliscono le mascherine riutilizzabili?

Come specificato dagli esperti, per lavare le mascherine riutilizzabili è sufficiente un ciclo di lavatrice standard.

Quando si parla di mascherine, è impossibile non chiamare in causa quelle riutilizzabili. Quando le si acquista, è naturale chiedersi cosa si debba fare per lavarle. Nelle prossime righe, abbiamo raccolto alcuni consigli utili al proposito.

LEGGI ANCHE: Covid-19, 3 guariti su 10 hanno problemi polmonari cronici

Come pulire le mascherine di stoffa

Come evidenziato dalla virologa Rachel Graham, esperta dell’Università della Carolina del Nord, il virus è estremamente sensibile ai detergenti. Alla luce di ciò, è sufficiente un ciclo di lavaggio standard.

L’involucro che lo incapsula – lo stresso si può dire per il virus dell’influenza – è uno strato delicato di lipidi e proteine oleosi. I detersivi e i saponi da bucato contengono tensioattivi, sostanze chimiche in grado di spezzare facilmente l’involucro e di ridurre la sua tensione superficiale.

Entrando nel dettaglio, ricordiamo che le molecole di tensioattivi hanno un’estremità attratta dagli oli e dai gassi e un’altra che, invece, si direziona verso l’acqua. L’interazione dei tensioattivi con l’involucro virale distrugge rapidamente la carica infettiva del virus.

Gli esperti fanno presente che, fino a che si utilizzano i detergenti, non è importante la temperatura dell’acqua della lavatrice. Inoltre, le mascherine in cotone resistono a temperature molto elevate. Per questo motivo, se ci si sente più tranquilli a lavare il presidio protettivo tenendo conto di queste indicazioni, si può tranquillamente continuare a farlo.

La Dottoressa Graham ha fatto presente che, grazie al calore degli essiccatori, è possibile offrire alla propria mascherina una protezione aggiuntiva, uccidendo la maggior parte dei microrganismi.

LEGGI ANCHE: Covid-19, Remuzzi: “C’è una nuova sfida da vincere”.

Come gestire le mascherine chirurgiche

La differenza principale tra mascherine lavabili e mascherine chirurgiche riguarda il fatto che queste ultime sono realizzate in tessuto non tessuto sintetico. Lavandole, si rischia di danneggiare fortemente la loro capacità di filtrazione. Alla luce di ciò, gli operatori sanitari continuano a fare un utilizzo massiccio dei respiratori N95.

LEGGI ANCHE: Crisanti e la riapertura tra le Regioni: “Troppa fretta, ecco perché”