Coronavirus, scoperte mutazioni rapide: le conseguenze sul vaccino

Il nuovo coronavirus ha subito mutazioni rapide e potrebbe diffondersi per un tempo più lungo del previsto. Lo sostiene uno studio.

Il nuovo coronavirus ha subito mutazioni rapide e potrebbe diffondersi per un tempo più lungo del previsto. Lo sostiene uno studio congiunto di due importanti istituti di ricerca epidemica in Cina.

Dal mese di gennaio, infatti, i ricercatori hanno scoperto che il virus ha subito almeno sei importanti cambiamenti nei suoi geni che hanno aumentato l’infettività e la «fuga immunitaria», ovvero la sua capacità di sfuggire al rilevamento e all’attacco da parte del sistema immunitario umano. La maggior parte di questi ceppi mutati si sono verificati in America e in Europa.

Covid-19, la malattia causata dal coronavirus, probabilmente «si diffonderà molto più a lungo di quanto ci aspettassimo», hanno detto i ricercatori del State Key Laboratory of Respiratory Disease di Guangzhou e del Centro clinico sanitario pubblico di Shanghai in un documento senza revisione paritaria pubblicato sulla piattaforma bioRxiv.org.

Il coronavirus utilizza la proteina Spike per infettare le cellule umane. La proteina si lega con una molecola chiamata enzima di conversione dell’angiotensina 2 (ACE2) nelle cellule ospiti.

I professori Qiu Tianyi e Leng Qibin hanno identificato tre mutazioni che hanno migliorato la forza di questo legame. Un cambiamento nel gene N439K, ad esempio, ha aggiunto un legame chimico tra l’ACE2 e la proteina Spike. Le altre tre mutazioni hanno preso di mira il sistema immunitario.

Una di queste mutazioni potrebbe distruggere un legame ionico tra il virus e un anticorpo che dovrebbe neutralizzare il Sars-CoV-2, il nome ufficiale del coronavirus.

Queste mutazioni sono simili a quelle che si sono verificate nel virus dell’immunodeficienza umana (HIV) e nell’influenza, che schivano l’attacco immunitario con una mutazione rapida.

«Ciò significa che anche se un vaccino efficace potesse essere sviluppato per l’attuale Sars-CoV-2 circolante, le mutazioni potrebbero causare l’inefficacia del vaccino in breve tempo», hanno detto Qiu e Leng. «Pertanto, possiamo aspettarci che lo sviluppo del vaccino diventi un lavoro ciclico … proprio come nel caso del virus dell’influenza», hanno aggiunto.

LEGGI ANCHE: Seconda ondata di contagi, Zangrillo è fiducioso.