Coronavirus: perché Singapore ha deciso di riaprire le scuole?

Nonostante i casi di Coronavirus nella città Stato asiatica, le scuole di Singapore hanno riaperto il 23 marzo. Scopriamo come mai.

Le scuole di Singapore sono state riaperte lunedì 23 marzo a seguito di un periodo di vacanza che gli studenti fanno sempre a questo punto dell’anno. Ciò è accaduto nonostante il crescente numero di casi di nuovo Coronavirus nella città Stato asiatica.

Il Ministro dell’Istruzione di Singapore Ong Ye Kung, nella giornata di domenica 22 febbraio, ha specificato i motivi per cui è stata presa questa decisione in contrasto con l’approccio della maggior parte dei Paesi del mondo.

LEGGI ANCHE: Coronavirus e 5G: il virologo Burioni contro l’ipotesi di uno scrittore belga

Perché a Singapore sono state riaperte le scuole

Come ricordato dal Ministro della Salute di Singapore, la decisione di riaprire le scuole nella città asiatica è stata presa su presupposti scientifici e su un’analisi approfondita della situazione sociale.

Ong ha spiegato innanzitutto che gli istituti scolastici sono stati riaperti in quanto non ci sono prove scientifiche che il Covid-19 colpisca i giovani. A detta del capo del dicastero della salute, non ci sono dimostrazioni sufficienti anche per quanto riguarda il fatto che i soggetti di età infantile e adolescenziale possano essere propagatori di nuovo Coronavirus.

Come rivelato dal Ministro della Salute dell’Isola di Singapore è vero il contrario, ossia gli adulti che infettano frequentemente i soggetti giovani. Queste affermazioni di Ong sono una citazione il Dottor Dale Fisher, direttore del gruppo di medicina presso il National University Health System.

Il politico ha altresì sottolineato che, oggi come oggi, sono pochissimi i giovani di Singapore con diagnosi di Coronavirus e che in tutti i casi, la positività è stata scoperta fuori dalle mura degli istituti scolastici.

Ong ha dichiarato anche che, a suo avviso, chiudere le scuole significherebbe interrompere molte vite. Per avvalorare questa sua affermazione ha citato il caso delle famiglie senza aiuti domestici e in cui entrambi i genitori lavorano.

Il capo del Ministero della Salute di Singapore si è soffermato anche sull’attenzione che le istituzioni hanno nei confronti degli alunni con genitori che lavorano nel campo sanitario e che si occupano della fornitura di servizi essenziale.

LEGGI ANCHE: Coronavirus: perdita del gusto e del senso dell’olfatto segnali da non trascurare