Coronavirus: guida all’acquisto della mascherine protettive

Guida all'acquisto e all'utilizzo ottimale delle mascherine protettive contro il nuovo Coronavirus.

In piena emergenza Coronavirus, sono tantissime le persone che cercano informazioni sulle mascherine protettive. Quali è meglio acquistare? Nelle prossime righe, vediamo assieme le principali risposte a questa domanda.

Tipologie di mascherine

Quando si parla di mascherine protettive per il Coronavirus, è necessario ricordare che sono diverse le tipologie esistenti. Ecco l’elenco.

Mascherine facciali filtranti antipolver (E49)

Queste mascherine sono conosciute anche con il nome di mascherine monouso di protezione. In commercio se ne possono trovare di diverse classi.

Quella interessante per chi vuole proteggersi dal Coronavirus è la classe FFP3, in grado di filtrare le sostanze nocive cancerogene, ma anche i batteri, i funghi e i virus. Questa tipologia di mascherine filtranti garantisce una protezione dal 99% delle particelle con dimensioni fino a 0,6 μm.

Altre classi

Le altre classi di mascherine respiratorie sono la FFP1 e la FFP2. Nel primo caso, si può apprezzare una protezione contro gli aerosol solidi e liquidi non tossici. La concentrazione deve essere fino a 4,5 volte il valore limite della soglia.

La classe FFP2, invece, garantisce protezione da aerosol solidi e liquidi di bassa e media nocività. In questo caso, la concentrazione da considerare è pari a 12 volte il valore di soglia.

LEGGI ANCHE: OMS: “Non ci sono prove che il virus andrà via in pimavera”

Caratteristiche delle mascherine di protezione

Detto questo, parliamo delle caratteristiche delle mascherine di protezione. La prima cosa da dire al proposito è che sono dotate di una valvola di espirazione.

Grazie ad essa, è possibile apprezzare l’espulsione dell’aria calda. In tal modo, si riducono sia il calore, sia l’umidità all’interno della mascherina stessa. L’utilizzatore può così respirare con il massimo del comfort.

Ricordiamo altresì la presenza dei facciali filtranti monouso. Essenziale è tenerli al riparo dagli agenti inquinanti prima di utilizzarli.

Concludiamo specificando che queste mascherine sono realizzate in ffp, tessuto non tessuto. Negli ultimi giorni, come riportato da Il Sole 24 Ore, alle imprese italiane che le producono ne sono state chieste oltre 240mila.

LEGGI ANCHE: Coronavirus: volontari verranno infettati per trovare un vaccino