Coronavirus, ecco quante confezioni di gel disinfettante per le mani sono state vendute

Come c'era da aspettarselo, nelle prime sei settimane del 2020, per via dell'emergenza del Coronavirus, ci sono state moltissime convezioni vendute di gel disinfettante per le mani.

Come c’era da aspettarselo, nelle prime sei settimane del 2020, per via dell’emergenza del Coronavirus, ci sono state 900mila convezioni vendute di gel disinfettante per le mani per un totale di due milioni e mezzo di fatturato.

Lo ha calcolato Nielsen, secondo cui entro la fine del mese di febbraio si raggiungerà quota 1 milione di flaconi venduti. Un giro d’affari che, secondo l’Istituto, è aumentato di 9 volte rispetto all’analogo periodo precedente.

E la Lega dell’Emilia Romagna, a proposito, ha chiesto l’intervento della Regione contro il caro-mascherine e gel su internet. «Sul web, sui siti di e-commerce, stiamo assistendo a speculazioni assurde sui prodotti considerati anti-contagio Coronavirrus come mascherine e gel per le mani, che vengono venduti a prezzi fuori da ogni logica».

«La stampa ha parlato di aumenti del 650% per i gel disinfettanti e del 1.700% per le mascherine: una situazione vergognosa e inaccettabile che riteniamo debba essere affrontata al più presto. Per questo chiediamo al presidente Stefano Bonaccini che la Regione Emilia-Romagna si attivi per vigilare con attenzione e fermezza sull’aumento sconsiderato dei prezzi di questi prodotti e non tardi a denunciare alle autorità giudiziarie gli speculatori», hanno aggiunto.

«Stiamo assistendo a uno scenario di psicosi generalizzata a fronte della quale non sono tardate ad emergere speculazioni intollerabili e inaccettabili, che chiediamo vengano stroncate con fermezza e immediatamente. Pertanto un intervento della Regione-Emilia-Romagna non e’ solo necessario quanto anche indifferibile», conclude la note.