Coronavirus, cosa sappiamo sul periodo di incubazione del Covid-19?

Il periodo di incubazione è il tempo che intercorre tra un'infezione e i primi sintomi della malattia. Uno studio sul coronavirus ha scoperto questo.

Il periodo di incubazione è il tempo che intercorre tra un’infezione e i primi sintomi della malattia. Durante questo periodo, la persona infetta comincia ad essere contagiosa anche prima che compaiano i sintomi. Ecco perché questo elemento è importante in termini di monitoraggio e controllo.

Questo periodo può variare a seconda della malattia. Per l’influenza, ad esempio, varia tra le 24 e le 48 ore. Per quanto riguarda il nuovo coronavirus, il periodo di incubazione è stato finora stimato da 1 a 14 giorni, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), che corrisponde al periodo di isolamento.

Inoltre, secondo un studio americano della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health e pubblicato il 10 marzo sulla rivista medica Annals of Internal Medicine, il periodo di incubazione del virus sarebbe in media 5,1 giorni. Per giungere a questa conclusione, gli scienziati americani hanno analizzato 181 pazienti contaminati con il Covid-19 tra il 4 gennaio e il 24 febbraio. I malati seguiti erano situati fuori Wuhan, il fulcro dell’epidemia nella provincia cinese di Hubei.

I ricercatori hanno anche scoperto che «il 97,5% delle persone che sviluppano sintomi lo ha fatto entro 11,5 giorni dall’esposizione». Inoltre, hanno anche stimato che 101 pazienti in quarantena su 10.000 sviluppano i sintomi del virus dopo i 14 giorni di confino. Gli scienziati hanno, quindi, concluso che l’1,01% dei casi passerebbe inosservato e potrebbe infettare gli altri dopo il periodo di sorveglianza e quarantena.

«I nostri risultati supportano la raccomandazione di 14 giorni per la quarantena delle persone infette o potenzialmente esposte al virus Covid-19, sebbene in casi estremi possano essere raccomandati periodi di sorveglianza più lunghi» ha affermato lo studio.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, cos’è la dispnea.