Come si misura correttamente la temperatura? Alcune indicazioni

Le zone per misurare la temperatura corporea sono differenti così come i termometri da adottare. Inoltre, è importante seguire alcune indicazioni.

Photo by Matteo Fusco on Unsplash
  • Il centro termoregolatore del nostro corpo è l’ipotalamo. In quanto irraggiungibile per la misurazione della temperatura corporea, vengono predilette diverse zone.
  • La misurazione avviene tramite l’uso di vari termometri, quelli moderni misurano con una precisione di +/- 0,1 °C, tuttavia prima bisogna seguire delle accortezze.
  • Le zone del corpo accessibili alla misurazione sono: rettale, auricolare, sublinguale, ascellare, cutanea.

Le zone per misurare la temperatura corporea sono differenti così come i termometri da adottare. Scoprilo insieme a noi.

Misurazione della temperatura corporea

Quando si parla di misurazione della temperatura corporea ci si riferisce a quel parametro che viene ‘dettato’ dal centro termoregolatore del nostro corpo, l’ipotalamo ma inaccessibile.

Tuttavia, diverse zone del nostro corpo ci permettono di misurarla tramite degli appositi termometri.
Non mancano gli svantaggi quanto i vantaggi a cui si va incontro.

Se state cercando la perfetta misurazione e la precisione sappiate che i termometri moderni di alta qualità misurano con una precisione di +/- 0,1 °C. Molto però dipende da alcune accortezze che dovrebbero essere prese in considerazione prima della misurazione:

  • Se hai fatto esercizio fisico intenso o un bagno caldo, attendi almeno un’ora prima della rilevazione.
  • Se hai fumato, mangiato o bevuto un liquido di qualsiasi temperatura, attendi 20-30 minuti.

Spesso non è il termometro a non funzionare: è importante le leggere le istruzioni d’uso e seguire le indicazioni preliminari.

La scelta della parte del corpo

Per misurare correttamente la temperatura corporea, come primo passo, bisogna scegliere l’area del corpo tra: retto, ascella, cavità orale, orecchio o superficie della pelle (tramite dei dispositivi specifici).

Temperatura rettale

Può essere rilevata a livello domestico e la sua misura media è pari a 37° con una variazione di +/- 0,5°C. Questa è un’area che può essere utilizzata a qualsiasi età e che non viene influenzata dalla temperatura esterna.
Nonostante i vantaggi, risulta essere una zona fastidiosa e alquanto imbarazzante.

Temperatura sottolinguale

Rispetto a quella rettale è inferiore di 0,2-0,5°C. Per eseguire questa misurazione non bisogna aver assunto bevande calde o fredde oppure non essere in bradipnea che potrebbe creare un falso aumento della temperatura.

Temperatura ascellare

Il suo valore è molto conosciuto, considerando che è il tipo di misurazione più utilizzata, ed è pari a 36,6°C ± 0,5°C.
Nonostante la facilità d’accesso, lo svantaggio è che questo tipo di misurazione può dipendere dalla temperatura ambientale.

Temperatura timpanica

Di 0,8°C inferiore a quella rettale, può essere la misurazione più adatta per i piccini. Bisogna disporre di termometri a raggi infrarossi auricolari. La sonda ha una forma a cono e viene inserita nell’orecchio.

Temperatura cutanea

Anche in questo caso, il dispositivo è dotato di raggi infrarossi e rileva la temperatura della fronte sia per contatto che a distanza tramite un puntatore ottico. L’affidabilità è dubbia.