Come scoprire di avere la leucemia? 10 campanelli d’allarme

Il termine leucemia non fa pensare a nulla di buono ma oggi ci occuperemo dei 10 campanelli di allarme che possono aiutare a scoprire di avere questa malattia.

Il termine stesso leucemia non fa pensare a nulla di buono e in effetti si tratta di un tumore del sangue causato da una proliferazione incontrollata delle cellule staminali. Oggi ci occuperemo dei 10 campanelli di allarme che possono aiutare a scoprire di avere questa malattia.

10 campanelli di allarme per scoprire di avere la leucemia

La leucemia è una grave malattia del sangue ed entrare in allarme è una reazione del tutto naturale tuttavia prima di farvi prendere dal panico bisogna pensare che la medicina preventiva mira a prevenire l’insorgenza di quadri patologici prima che la malattia si manifesti quindi, conoscere i campanelli di allarme vi aiuterà a scoprire precocemente l’insorgenza della leucemia e avere maggiore possibilità di cura.

La leucemia può essere cronica (andamento ed evoluzione lento) o acuta (esordio improvviso e rapida progressione).

Non vogliamo sottovalutare la difficoltà di una diagnosi precoce ma ad ogni modo vogliamo parlare dei 10 campanelli d’allarme che possono cambiare il decorso clinico.

I sintomi descritti – però – possono essere variabili e spesso riconducibili a patologie d’importanza minore.

Tra la sintomatologia più diffusa troviamo:

1. Febbre.
2. Ingrossamento dei linfonodi di fegato e/o milza.
3. Mal di testa.
4. Dolori ossei e articolari.
5. Perdita di peso.
6. Stanchezza persistente e affaticamento.
7. Infezioni frequenti.
8. Sudorazione notturna eccessiva.
9. Piccole petecchie sulla cute.
10. Facilità di sanguinamento.

Ribadiamo, quelli descritti sono dei sintomi comuni a tante altre patologie, prima di fare auto-diagnosi, vi consigliamo di parlarne con il vostro medico di fiducia. Vanno valutati un’insieme di dati clinici. Ogni auto-diagnosi non è mai affidabile, questo articolo è a scopo conoscitivo, non sostituisce il parere esperto di un medico.

Se volete restare aggiornati, seguiteci su Facebook cliccando qui.

LEGGI ANCHE: Emicrania, cause e quando bisogna andare dal medico.