Come rilevare il cancro alla pelle? Conosci la regola ABCDE

La regola ABCDE può aiutarti a capire se hai un cancro alla pelle. Cos'è questo metodo? Cosa è meglio sapere.

La regola ABCDE può aiutarti a capire se hai un cancro alla pelle.

Cosa causa il cancro alla pelle?

Il cancro della pelle si verifica quando le cellule della pelle atipiche crescono senza controllo. Tende a manifestarsi sulla pelle che viene esposta alla luce solare, ma può svilupparsi ovunque tu abbia la pelle, comprese le mucose.

Esiste un sistema per aiutare a capire se è la caso di contattare un medico. Si chiama la regola ABCDE per il cancro della pelle.

Cos’è la regola ABCDE?

La regola ABCDE ti dice cosa cercare quando esamini la tua pelle.

La A sta per asimmetrico. Una metà di un punto o di un neo canceroso potrebbe non corrispondere all’altro se dovessi dividere il neo a metà. Le macchie non cancerose sono in genere simmetriche.

B sta per bordo. Il bordo di una macchia cancerosa o di un neo può essere irregolare o sfocato, oppure può essere di colore rosa o rosso. È probabile che una macchia normale abbia bordi ben definiti.

Il prossimo è il colore (C). Un neo tipico tende ad essere uniformemente colorato, di solito con una singola sfumatura di marrone. Una macchia cancerosa potrebbe non essere dello stesso colore dappertutto. Potrebbe essere di diverse tonalità dello stesso colore o essere composto da più colori, tra cui marrone chiaro, marrone o nero. Possono anche includere aree bianche, rosse o blu.

I melanomi amelanotici sono più difficili da rilevare. Non cambiano la melanina, quindi sono dello stesso colore della tua pelle. Per questo motivo vengono spesso diagnosticati in ritardo.

Anche il diametro (D) della macchia o del neo è importante. Potrebbe essere un segnale di avvertimento se è più grande 6 millimetri.

Bisogna anche prestare attenzione all’evoluzione (E) della macchia. Le macchie dovute al melanoma possono crescere o cambiare colore o forma molto rapidamente. Possono anche iniziare a prudere o sanguinare. Macchie e nei benigni (non cancerosi) di solito non cambiano.

LEGGI ANCHE: Quali sono i sintomi dell’HIV e come progrediscono.