Come prevenire e come far passare i crampi muscolari

I crampi muscolari possono accadere in vari momenti: di notte, mentre si fa sport, durante una gravidanza. Ecco cosa è meglio sapere.

0

I crampi, contrazioni muscolari involontarie e dolorose, possono avere molteplici cause e si possono verificare in varie circostanze, ad esempio di notte, durante la gravidanza in caso di posizione errata.

I crampi sono molto comuni tra gli atleti: fino al 70% dei maratoneti e triatleti provano questo inconveniente. Come riportato da Futura-Sciences.com, le opinioni divergono riguardo alle caus  ma una delle teorie più comunemente accettate è che il deficit elettrolitico (concentrazione inferiore alla norma dei minerali nei fluidi corporei) è in gran parte responsabile di queste contrazioni.

Infatti, dal momento che durante la sudorazione, il corpo elimina molti minerali (sodio, potassio, magnesio, calcio), la disidratazione è un altro fattore che contribuisce alla comparsa dei crampi: senza abbastanza fluido, il corpo non può trasportare i minerali al muscolo.

Prevenire i crampi

Praticare un’attività sportiva: uno stile di vita sedentario rallenta la circolazione sanguigna. Stare fermi a lungo sulla scrivania è una causa comune di crampi muscolari.

Alzati almeno una volta all’ora e fai qualche passo per stimolare il ritorno venoso. In generale, l’attività fisica quotidiana riduce la possibilità di avere un crampo.

Ricorda di bere regolarmente: come accennato sopra, la disidratazione è la causa di molti crampi.

Evita di praticare uno sport intensivo in caso di freddo intenso. Non c’è bisogno di provare a ‘riscaldare i muscoli’: questo non sembra influenzare l’insorgenza deo crampi. È stato dimostrato che un ambiente caldo e umido favorisce anche i crampi, senza che il calore sembri all’origine.

Non praticare lo stretching prima dell’allenamento: nonostante la convinzione diffusa, lo stretching è piuttosto pericoloso. I raggi neuromuscolari diventano meno sensibili e il muscolo sarà meno in grado di reagire a un’emergenza.

Non bere acqua subito dopo uno sforzo: ancora una volta, contrariamente alla credenza popolare, secondo uno studio australiano, è controproducente. Ciò diluisce ulteriormente gli elettroliti nel sangue e nei fluidi corporei. Per reidratare, preferisci bevande sportive appositamente arricchite con minerali o frutta.

Come si fa passare un crampo?

Non esercitare pressioni sull’area dolorosa: è necessario invece allungare lentamente il muscolo colpito e attivare la muscolatura antagonista che consente il rilassamento della contrazione. Ad esempio, se ti fa male il polpaccio, tira le dita dei piedi verso di te per contrarre i muscoli opposti della tibia. Una volta che il muscolo è un po’ rilassato, puoi praticare un piccolo massaggio nella zona colpita dal crampo.

Commenti