Come allontanare le api da casa senza ucciderle

Le api sono fondamentali per l'equilibrio degli ecosistemi. Purtroppo, però, sono a rischio estinzione. Quindi, evitiamo di peggiorare la situazione...

0
api

Le api sono molto importanti per il nostro pianeta. La maggior parte degli ecosistemi non esisterebbe senza le api che agiscono come impollinatori naturali. Producono anche uno dei cibi più nutrienti e gustosi della natura: il miele.

Le api, però, sono a rischio estinzione. Le cause comprendono l’uso diffuso di pesticidi, i cambiamenti climatici, le specie invasive, le malattie e la perdita degli habitat.

Secondo l’Associazione britannica degli apicoltori, tra l’aprile 2015 e l’aprile 2016, gli apicoltori del Regno Unito hanno dichiarato di aver perso il 44% delle loro colonie di api.

Le api stanno stanno affrontando gravi problemi anche negli Stati Uniti a causa della Sindrome dello spopolamento degli alveari.

Ora, le api potrebbero invadere la tua casa e sembrare una minaccia per la tua famiglia e gli animali domestici ma non è necessario ucciderle.

Innanzitutto, puoi chiedere l’intervento di professionisti oppure utilizzare alcuni suggerimenti per respingere le api:

  1. Trova l’alveare e distruggilo in modo tale che le api siano costrette a trasferirsi.
  2. Trova un apicoltore professionista in grado di allontanare le api senza alcun danno.
  3. Fumo e incenso possono essere utilizzati per rimuovere le api dai loro alveari.
  4. Utilizzare una soluzione saponata per scacciare le api.
  5. Bruciare legna o carta sotto l’alveare durante la notte per generare il fumo e fare così scappare le api.
  6. Rimuovere tutto ciò che potrebbe attirare le api (come i fiori finti).

La popolazione delle api, come scritto poco su, si sta riducendo a causa della negligenza umana. Possiamo, però salvarle facendo un piccolo sforzo:

  1. Evitare l’uso di pesticidi chimici sulle piante del giardino.
  2. Anche se hai un solo e piccolo balcone, puoi mettere una piccola pentola d’acqua per le api cosicché bevano in estate.

Commenti