Cina, tracce di Coronavirus in alcune confezioni di gamberetti surgelati

Tracce di Coronavirus sono state trovate in alcuni gamberetti arrivati in Cina, a Yantai per la precisione, dall'Ecuador.

Tracce di Coronavirus sono state individuate in alcune confezioni di frutti di mare spediti dall’Ecuador in Cina. Come rivelato dall’agenzia di stampa Reuters, la spedizione è partita dalla città di Dalian, recentemente colpita da un’ondata di casi di Coronavirus.

Tre società della città portuale di Yantai hanno acquistato il suddetto pesce. I funzionari della dogana di Dalian hanno rinvenuto tracce di SARS-CoV-2 nelle sopra citate confezioni di gamberetti nel mese di luglio.

LEGGI ANCHE: Vaccino anti Covid, Galli: “Non sappiamo se e quando arriverà”

Sospese le importazioni di gamberetti dall’Ecuador

A seguito di questa scoperta, le autorità cinesi hanno sospeso le importazionni di gamberetti dall’Ecuador (anche in questo caso, si tratta di una rivelazione di Reuters).

Da non dimenticare è poi che, secondo quanto specificato da alcuni funzionari del governo di Yantai alcuni dei prodotti ittici in questione sono stati sottoposti a processi di trasformazione per prepararli all’esportazione. Il resto della merce, invece, è stato immagazzinato e non ancora immesso sul mercato.

I funzionari cinesi hanno sigillato i prodotti. Inoltre, i professionisti che li hanno maneggiati sono stati messi in quarantena. Come riferito dalle autorità cinesi, sono negativi al Coronavirus.

LEGGI ANCHE: Cina, villaggio in quarantena dopo un caso di peste bubbonica