Ci vorrà una terza dose di vaccino contro il coronavirus?

Per assicurarsi una protezione adeguata, le persone che hanno fatto il vaccino con Pfizer-BioNtech dovranno sottoporsi ad una terza dose.

  • Probabilmente sarò necessaria una terza dose di vaccino per Pfizer-BioNtech. Lo scopo è quello di far fronte alle varianti, assicurando così una maggiore protezione.
  • La terza dose di vaccino sarà necessaria entro sei mesi-un anno seguita da un’iniezione da ripetere ogni anno.
  • L’ipotesi di una terza dose è studiata da febbraio ma deve essere confermata. “Saranno le varianti a giocare un ruolo chiave”, afferma Albert Bourla, CEO da Pfizer.

Sono diverse le incertezze associate alle mutazioni del coronavirus, così, per fronteggiare i dubbi e assicurare una maggiore protezione alle persone che hanno fatto il vaccino con Pfizer-BioNtech si pensa ad una terza dose di vaccino entro 6 mesi-1 anno dalla seconda somministrazione.

Un’ipotesi plausibile è che sarà probabilmente necessaria una terza dose, tra sei mesi e dodici mesi, e da lì ci sarà una vaccinazione di nuovo ogni anno, ma tutto questo deve essere confermato“, ha indicato Albert Bourla, CEO da Pfizer, nelle dichiarazioni rilasciate giovedì dalla CNBC.

Una sfida contro le varianti

“E d’altra parte, le varianti giocheranno un ruolo chiave”, ha aggiunto. “È estremamente importante ridurre al minimo il numero di persone vulnerabili al virus”.

“Stiamo studiando la durata della risposta anticorpale”, ha detto. Sembra forte ma sta subendo un certo declino e le varianti sono una sfida. Per ragioni logistiche, e solo per ragioni logistiche, penso che stiamo considerando che potrebbe esserci un richiamo”, ha detto Kessler.

L’alleanza Pfizer-BioNTech aveva già annunciato a febbraio di studiare gli effetti di una terza dose del suo vaccino contro le varianti in uno studio clinico. Somministrato in due dosi, questo vaccino utilizza, come l’innovativa tecnologia dell’RNA messaggero di Moderna, che non era mai stata utilizzata prima nella vita reale.

In questa fase, questi due vaccini sono i più performanti con un’efficacia del 95% per quella di Pfizer-BioNTech e del 94,1% per Moderna contro Covid-19, secondo gli studi clinici.