Cane e inappetenza – le cause e i rimedi

Il tuo cane non ha fame? Dietro l’inappetenza potrebbero esserci varie cause. Di solito, infatti, quando un cane non mangia ha un problema di salute. Altre volte, invece, potrebbe essere solo una questione fisiologica, cioè in determinati periodi dell’anno tende a mangiare poco o per nulla, specie d’estate per il troppo caldo. Scoprire quindi quali siano le motivazioni di questa inappetenza è il primo passo per trovare il giusto rimedio e di conseguenza la cura.

Le possibili cause dell’inappetenza nei cani

Prima di tutto bisogna capire quanto sia grave la situazione, monitorando il comportamento del cane. Cioè:

  • Se il cane non mangia da oltre 24 ore, l’inappetenza potrebbe dipendere da un problema di salute molto grave, come un avvelenamento, mal di denti o malattie gravi come pancreatite, insufficienza epatica o renale o può esserci un principio di leishmaniosi nel cane con sintomi iniziali molto accentuati;
  • Se il cane non mangia da meno di 12 ore potrebbe dipende da un problema passeggero e non c’è da preoccuparsi. Potrebbe essere infatti per l’elevata temperatura, per una vaccinazione.

Quando il cane è inappetente

Il cane può rifiutare il cibo e dunque smettere di mangiare per 5 motivi principalmente:

  • Un improvviso cambiamento, come il lutto di una persona cara o un trasloco e deve abituarsi alla nuova situazione;
  • Per lo stress che causa, come nell’uomo, ansia o depressione;
  • A seguito della somministrazione di un vaccino;
  • Per una malattia a carico del cavo orale, dei denti o dell’apparato digerente per azione di un’infiammazione o un’infezione da parassiti.

Difficilmente, invece, il cane non mangerà solo per fare un capriccio, a meno che non sia viziato. E come curarlo allora?

I rimedi per curare l’inappetenza canina

Partendo dal problema si giunge al rimedio, cioè a seconda se si tratti di una patologia o solo di una cattiva abitudine si potrà agire di conseguenza. Per esempio, si può cambiare il regime alimentare del cane con una dieta ad hoc prescritta dal veterinario. Se, invece, si tratta di un problema di salute ben più grave bisogna rivolgersi al veterinario che troverà la terapia più consona. Raramente, infine, può capitare che basti solo cambiare il tipo di alimento o la marca, tanto sul mercato ormai si trova ogni tipo di pasto per il cane (pollo, manzo, pesce, selvaggina).

E se dovesse trattarsi di leishmaniosi?

La terapia contro la leishmaniosi canina

Prima di vedere come trattare la leishmaniosi occorre precisare che è necessario in questi casi chiedere aiuto al veterinario che ha in cura il proprio cane, così che possa ricorrere ad alcuni rimedi rapidi somministrando dei farmaci.

La cura, in base alla gravità della situazione, può durare anche alcuni mesi. Tuttavia, nonostante lo stato di salute del cane man mano migliorerà, il piccolo a quattro zampe continuerà comunque ad essere infetto e quindi sarà necessario dover prestare maggiore attenzione e farlo controllare regolarmente. Per prevenire il problema in commercio ci sono vari antiparassitari che possono essere usati.