Calcoli renali, scoperto legame con 5 antibiotici. Ecco quali

L'incidenza di calcoli renali nei soli Stati Uniti è aumentata del 70 per cento dagli anni 70 e un nuovo studio suggerisce che l'uso di antibiotici per via orale può essere parte della causa.

0

L’incidenza di calcoli renali nei soli Stati Uniti è aumentata del 70 per cento dagli anni 70 e un nuovo studio suggerisce che l’uso di antibiotici per via orale può essere parte della causa.

La ricerca, pubblicata sul Journal of American Society of Nephrology, ha utilizzato i dati sanitari di 13,8 milioni di pazienti di medici generici in Gran Bretagna. I ricercatori hanno analizzato 25.981 persone con calcoli renali abbinati per sesso ed età con 259.797 controlli.

Hanno poi monitorato l’esposizione agli antibiotici da 3 a 12 mesi prima della diagnosi.

Dopo aver controllato le infezioni del tratto urinario, i farmaci, le malattie come la gotta e il diabete e altre variabili, hanno scoperto che l’esposizione a cinque classi di antibiotici ha aumentato significativamente il rischio di calcoli renali.

I farmaci andavano dalle penicilline ad ampio spettro, che ha aumentato il rischio del 27%, ai farmaci sulfamidici, associati a più del doppio del rischio.

Anche le cefalosporine, i fluorochinoloni e la nitrofurantoina sono stati associati a un aumento del rischio.

Inoltre, è stato riscontrato che i rischi per gli under 18  erano più alti rispetto agli adulti.

L’autore principale della ricerca, il dott. Gregory E. Tasian, urologo del Children’s Hospital di Philadelphia, ha spiegato che il meccanismo non è chiaro ma che la spiegazione più probabile sia una complessa interazione dei farmaci con il microbioma urinario o intestinale.

In ogni caso, il medico ha affermato che “abbiamo a che vedere con una relazione rischio-beneficio e vogliamo assicurarci che gli antibiotici vengano prescritti senza aumentare inutilmente i risultati negativi sulla salute“.

Commenti