Cade mentre gioca con gli amici e scopre di avere un tumore: morto a 12 anni

Un bambino di 12 anni è morto di cancro meno di due anni dopo la diagnosi quando si è rotto un braccio inciampando su una palla da cricket.

0

Un bambino di 12 anni è morto di cancro meno di due anni dopo la diagnosi quando si è rotto un braccio inciampando su una palla da cricket.

I medici hanno notato, infatti, il cancro alle ossa nel braccio e nei polmoni di Marcus Richmond quando è stato sottoposto a raggi x dopo la caduta dell’agosto 2016.

Marcus ha cominciato la chemioterapia quasi immediatamente e in seguito gli sono stati amputati il braccio e la spalla destra ma è morto il 23 maggio scorso.

La sua famiglia – mamma Johanna, papà Glenn e sorella Elise, 16 anni, di Cropston, Leicestershire – non gli hanno mai detto che il suo cancro era terminale, perché non volevano che perdesse la speranza.

Johanna ha raccontato: “Non dimenticherò mai il giorno in cui mi hanno detto che il cancro di mio figlio era terminale. Ho risposto al telefono ed ero seduta in cima alle scale, quando il consulente ha detto: ‘La chemioterapia non funziona. Non c’è più niente che possiamo fare per lui’. Ero devastata. Non lo abbiamo mai detto a Marcus perché come avremmo potuto dire a nostro figlio che stava morendo? Non glielo abbiamo detto perché non volevamo che perdesse la speranza“.

Johanna ha spiegato che a Marcus è stato diagnosticato un osteosarcoma, un cancro osseo raro che colpisce adolescenti e giovani adulti, dopo che è caduto mentre giocava a cricket. La donna ha raccontato: “Si ruppe il braccio destro ed andò all’ospedale. I medici dissero che i raggi X mostravano che Marcus aveva il cancro nel braccio. Fu allora che cominciò l’incubo. I medici scoprirono che il tumore si era già diffuso ai polmoni e cominciò otto mesi di chemioterapia quasi immediatamente nel reparto di neoplasia per adolescenti al Leicester Royal Infirmary. Quando terminò la chemioterapia, i medici dissero a Johanna che pensavano che il cancro potesse essere sopito. Ma durante un viaggio in Francia nell’estate del 2017, Johanna notò che il braccio di Marcus era gonfio“.

La donna ha detto: “Marcus cominciò la chemioterapia quasi un anno dopo l’ultimo ciclo. Dopo due sedute di circa cinque settimane ciascuno, i dottori ci chiamarono e mi dissero che la terapia non funzionava e non c’era nient’altro che potevano fare per mio figlio“.

Johanna ha raccontato che i medici che hanno preso la decisione di amputare il braccio e la spalla di Marcus nel gennaio di quest’anno lo hanno fatto per dargli una migliore qualità della vita. “Il suo braccio era gonfio e ingombrante. Era diventato difficile da usare. Marcus lo ha accettato“.

Johanna ha raccontato che Marcus ha giocato a calcio balilla con il personale infermieristico il giorno dopo l’intervento. A Marcus è stato poi detto che era eleggibile per una sperimentazione medica di chemioterapia e una nuova medicina che ha avuto risultati incoraggianti.

Tuttavia, ciò è stato reso impossibile dai problemi respiratori del 12enne e, pochi giorni dopo essere tornato a casa, Marcus è morto circondato da amici e familiari.

Commenti