Bimbo nasce con due facce. Ha bisogno di un intervento chirurgico urgente

Un bambino è nato in Indonesia con due facce perché il suo gemello siamese non si è sviluppato correttamente nel grembo materno.

0

Un bambino è nato in Indonesia con due facce perché il suo gemello siamese non si è sviluppato correttamente nel grembo materno.

La storia è raccontata dal Daily Mail.

Gilang Andika, di due mesi, originario di Batam, una città dell’Indonesia a circa 32 chilometri da Singapore, ha due facce e due cervelli ma una sola testa.

La complicazione ha lasciato il piccolo sfigurato e affetto da una condizione cerebrale potenzialmente fatale, che sta causando l’accumulo di liquidi.

Sebbene abbia un solo corpo con due braccia e due gambe, Gilang è tecnicamente un gemello siamese, una condizione che colpisce una persona su 250mila nascite.

Sulla sua testa ha la faccia e il cervello di un fratello che non si è sviluppato nell’utero, perché l’ovulo della madre non si è completamente diviso in due durante la gravidanza.

I suoi genitori, Ernilasari e Mustafa, ora chiedono disperatamente un aiuto per salvare la vita del figlio dopo che i medici locali hanno detto che non sono in grado di operare.

A causa della sua rara situazione, Gilang non può essere allattato al seno, quindi deve essere alimentato con il latte attraverso un tubo.

I medici, inoltre, hanno detto che non è probabile che il bambino vivo a lungo a causa delle sue condizioni.

Il piccolo soffre anche una condizione chiamata idrocefalo, causata da un accumulo di liquido nel cervello.

Molti bambini nati con l’idrocefalo hanno un danno cerebrale a lungo termine, che può causare difficoltà di apprendimento, problemi di linguaggio, di vista, di memoria, o epilessia.

I genitori hanno saputo della grave situazione del figlio solo dopo il parto cesareo e ora vogliono cercare un trattamento per Gilang ma non hanno la disponibilità finanziaria necessaria.

La dott.ssa Nenden Ismawati, che si occupava di Gilang presso l’Awal Bros Hospital di Batam, afferma che è improbabile che i medici siano in grado di eseguire un intervento chirurgico: “Abbiamo suggerito l’intervento a uno degli ospedali di Giacarta che ha un equipaggiamento migliore rispetto all’Ospedale di Awal Bros ma questo non significa che il bambino possa essere operato subito, perché i dottori a Giacarta stanno ancora studiano il caso“.

Durante la gravidanza, Ernilasari ha affermato di non avere sentito nulla di strano e i medici dell’ospedale non hanno notato il problema, nonostante tre scansioni ecografiche.

Si ritiene che il bambino abbia un disturbo chiamato diprosopus – o diprosopia – una delle deformità più rare negli esseri umani (e la maggioranza non sopravvive alla nascita).

La condizione è nota come duplicazione craniofacciale e fa sì che una parte o tutta la faccia cresca due volte a causa di un problema durante la divisione dell’ovulo nell’utero.

L’intervento chirurgico (molto rischioso) dovrà rimuovere un cervello, una faccia e parte del cranio del bambino.

Commenti