Bere 4 tazze di caffè al giorno fa bene al cuore degli anziani. Lo dice uno studio

I pensionati dovrebbero bere quattro tazze di caffè al giorno per proteggere e riparare il muscolo cardiaco.

caffé

I pensionati dovrebbero bere quattro tazze di caffè al giorno per proteggere e riparare il muscolo cardiaco.

Lo suggerisce una ricerca.

I livelli di caffeina, equivalenti al bere quattro tazze di caffè, potrebbero aiutare a proteggere i vasi sanguigni sani e a riparare il cuore dopo un infarto.

Lo stimolante attiva una proteina nota per essere importante nella rigenerazione delle cellule cardiache e che potrebbe anche proteggerle dai danni.

Si ritiene che la caffeina riduca il rischio di patologie come malattie cardiache, diabete di tipo 2 e ictus ma le ragioni di ciò non sono ben chiare.

I ricercatori tedeschi pensano che la caffeina possa rendere più sane le cellule che rivestono le arterie e le vene, migliorando la loro capacità di resistenza e il recupero dai danni.

Gli scienziati sostengono che questi risultati “dovrebbero portare a strategie migliori per proteggere il muscolo cardiaco“, e un altro esperto ha definito i risultati “molto interessanti“.

[amazon_link asins=’B01LQQQWG2,B01M61UH8Z,B00FGK5FPY,B01MYNFM09,B01M043IJI,B001DIDKCI,B00R1H9OL6′ template=’ProductCarousel’ store=’gianbolab-21′ marketplace=’IT’ link_id=’c4ae0116-7602-11e8-8b91-4f55dd782a6f’]

Gli esperti suggeriscono che la caffeina potrebbe giovare particolarmente agli anziani, i cui cuori possono essere naturalmente più deboli e più a rischio di danni.

La ricerca della Heinrich-Heine-University e dell’IUF-Leibniz Research Institute for Environmental Medicine di Dusseldorf, in Germania, ha scoperto gli effetti benefici della caffeina sulle cellule del cuore.

È stato appurato che il farmaco – che si trova anche nel tè e nelle bevande analcoliche come la Coca Cola – migliora la funzione delle cellule che rivestono il cuore e i vasi sanguigni. Ciò avviene incoraggiando il movimento di una proteina vitale – chiamata p27 – nelle cellule.

La caffeina rafforza anche i mitocondri, che danno energia alle cellule.

La ricerca, condotta sui topi, ha mostrato che la caffeina proteggeva i cuori dei roditori pre-diabetici, obesi e anziani.

I ricercatori suggeriscono che la caffeina potrebbe offrire gli stessi benefici agli anziani.

L’autrice Judith Haendeler ha dichiarato al Daily Mail: “I nostri risultati indicano una nuova modalità di azione per la caffeina, che promuove la protezione e la riparazione del muscolo cardiaco. Questi risultati dovrebbero portare a strategie migliori per proteggere il muscolo cardiaco dai danni, inclusa la considerazione del consumo di caffè o della caffeina come fattore dietetico addizionale nella popolazione anziana“.

I ricercatori hanno aggiunto che migliorare la funzione del cuore tra gli anziani è la chiave per aiutarli a vivere vite più lunghe e più sane.

La professoressa Haendeler ha aggiunto: “Il consumo di caffè o la caffeina in sé potrebbero essere considerati un ulteriore fattore dietetico protettivo per la popolazione anziana. Le analisi hanno dimostrato che l’assunzione abituale di bevande contenenti caffeina riduce il rischio di mortalità per malattie cardiache negli anziani“.