Avvelenamento da pesticidi, quali sono i sintomi? Cosa fare?

In Italia si utilizza circa il 2-3% dei pesticidi prodotti a livello mondiale e rischi di avvelenamento sono possibili; è bene conoscerne i sintomi...

Foto di emersonbegnini da Pixabay
  • I pesticidi in Italia sono utilizzati nel 2-3% della produzione mondiale e possono causare avvelenamento.
  • Un pesticida molto utilizzato è l’insetticida che può essere organofosforico e a base di carbammati o piretrinici. In caso di avvelenamento, a ciascun tipo corrispondono una serie di sintomi.
  • Cosa fare? Contattare immediatamente l’112, togliere gli indumenti contaminati oppure chiedere una consulenza ai Centri antiveleno in Italia. In questo articolo troverai l’elenco dei contatti. Sono attivi h24.

In Italia si utilizza circa il 2-3% dei pesticidi prodotti a livello mondiale e rischi di avvelenamento sono possibili; è bene conoscerne i sintomi e sapere come agire.

Avvelenamento da pesticidi: cosa succede al corpo? Impara ad intervenire

Un modo per approcciarsi all’utilizzo del pesticida è quello di leggere attentamente sulla confezione le modalità di utilizzo in cui viene segnalato il livello di pericolosità eventuale.
Inoltre, vanno tenuti in luoghi appositi, al chiuso (come in un armadio), lontano dalla portata dei bambini e in modo che non vengano confusi con altri generi alimentari.

Insomma, l’attenzione – in questi casi – non è mai troppa perché l’avvelenamento da pesticidi è un evento che può determinarsi.

Vogliamo trattare l’avvelenamento da insetticida (un pesticida) perché è molto acquistato e tenuto a casa per agire contro gli insetti.

Avvelenamento da insetticida

Sappiamo bene quanto l’insetticida sia letale per un insetto ma può essere velenoso anche per l’uomo se assorbito tramite la cute, inalato o ingerito casualmente.

La maggior parte degli avvelenamenti gravi da insetticida è dovuta a insetticidi organofosforici e carbammati o piretrinici.

Forse non lo saprai ma alcuni insetticidi sono inodori quindi è difficile accorgersi di esserne sottoposto ma ci sono dei sintomi ben determinati che possono metterti in allarme.

Gli insetticidi organofosforici e a base di carbammati possono causare:

  • Lacrimazione o visione annebbiata
  • Sudorazione
  • Salivazione eccessiva
  • Tosse
  • Vomito
  • Defecazione o minzione frequenti
  • Anomalie della frequenza cardiaca
    Problemi respiratori

Solitamente, gli insetticidi piretrinici sono meno tossici per l’uomo. I sintomi dell’avvelenamento da piretrinici includono:

  • Starnuti
  • Occhi lacrimosi
  • Tosse
  • A volte, problemi respiratori

I sintomi durano ore o giorni dopo l’esposizione ai carbammati, ma la debolezza può durare per settimane dopo l’esposizione agli organofosforici.

É importante conoscere i sintomi da avvelenamento da insetticida perché solamente in questo modo puoi agire e sapere cosa fare e cosa dire al medico che – se lo riterrà opportuno – potrà sottoporti agli esami del sangue che possono confermare l’avvelenamento da organofosforici o da carbammati.

Per trattare l’avvelenamento vengono utilizzati diversi farmaci efficaci.

Cosa fare in caso di avvelenamento

Se accidentalmente si è riversato sugli indumenti o la pelle, rimuoverli immediatamente e detergere la pelle.
Negli altri casi, se ti accorgi di avere altri sintomi come quelli respiratori o anomalie cardiache, contatta il numero di emergenza 112 o il Centro antiveleno per una consulenza.

Di seguito l’elenco dei contatti dei Centri che operano 24h su 24h:

Bologna
Ospedale Maggiore
Via Largo Negrisoli 2 – tel. 051/6478955

Catania
Ospedale Garibaldi Centro Rianimazione
Piazza S. Maria Gesù – tel. 095/7594120

Cesena
Ospedale Maurizio Bufalini
Viale Ghirotti – tel. 0547/352612

Chieti
Ospedale Sant.ma Annunziata
tel. 0871/345362

Genova
Ospedale Gaslini – 010/3760873
Ospedale San Martino
Via Benedetto XV, n. 10 – tel. 010/352808

La Spezia
Ospedale Civile S. Andrea
Via Vittorio Veneto – tel. 0187/533296

Lecce
Ospedale Regionale Vito Fazzi
Via Moscati – tel. 0832/351105

Messina
Unità degli Studi di Messina
Villag. Santissima Annunziata – tel. 090/2212451

Milano
Ospedale Niguarda Ca’ Grande
Piazza Ospedale Maggiore 3 – tel. 02/66101029

Napoli
Ospedali Riuniti Cardarelli
Via Antonio Cardarelli 9 – tel. 081/5453333
Istituto Farmacologia e Tossicologia
Via Costantinopoli 16 – tel. 081/459802

Padova
Istituto di Farmacologia Universitaria
Largo Egidio Meneghetti 2 – tel. 049/931111

Pordenone
Ospedale Civile Centro Rianimazione
Via Montereale 24 – tel. 0434/399698

Reggio Calabria
Centro Rianimazione Azienda Ospedaliera
“Bianchi – Melacrino – Morelli”
Via G. Melacrino – tel. 0965/811624

Roma
Policlinico Agostino Gemelli
Istituto di Anestesiologia e Rianimazione
Largo Agostino Gemelli 8 – tel. 06/3054343

Policlinico Umberto I
Viale del Policlinico – tel. 06/490663

Torino
Università di Torino
Via Achille Mario Dogliotti – tel. 011/6637637

Trieste
Istituto per l’Infanzia
Via dell’Istria 65/1 – tel. 040/3785373