Autismo, scoperta una possibile causa: il livello degli estrogeni nell’utero

Secondo un nuovo studio, i bambini che sono stati esposti a livelli elevati di estrogeni nell'utero della madre hanno maggiori probabilità di sviluppare autismo.

0

In tutto il mondo, circa una nascita su 100 è affetta dai disturbi dello spettro autistico (Autism Spectrum Disorders, ASD). Chi ne soffre ha limitazioni nella comunicazione sociale e comportamenti stereotipati e ripetitivi che variano notevolmente da un paziente all’altro.

Uno studio pubblicato sulla rivista Molecular Psychiatry ci dice qualcosa in più sulle origini di questo complesso disturbo. Secondo i ricercatori, infatti, i bambini che sono stati esposti a elevati elevati di estrogeni nell’utero hanno maggiori probabilità di avere l’autismo man mano che crescono. Questi risultati, quindi, forniscono nuove prove per la teoria degli ormoni steroidei prenatali nell’autismo esposti per la prima volta 20 anni fa.

Nel 2015, come riportato su Pourquoidocteur.fr, un team di scienziati dell’Università di Cambridge e dello Statens Serum Institute in Danimarca hanno dimostrato che i livelli degli androgeni, ormoni steroidei come il testosterone che favoriscono lo sviluppo sessuale dei maschi, erano più significativi nei bambini che in seguito hanno sviluppato l’autismo.

Da questi risultati, gli stessi scienziati hanno testato campioni di liquido amniotico prelevati dalla Biobanca danese. Questa volta, però, si sono interessati a un’altra serie di ormoni steroidei prenatali: gli estrogeni, secreti naturalmente dalle ovaie.

Gli ormoni sessuali interagirebbero con i fattori genetici

Gli studiosi hanno scoperto che il legame tra i livelli alti di estrogeni prima della nascita e la probabilità di autismo era persino maggiore di quello osservato nel 2015 con gli androgeni.

Come osservato dai ricercatori, contrariamente alla credenza popolare che associa l’estrogeno alla femminilità, gli estrogeni prenatali hanno effetti sulla crescita del cervello e lo mascolinizzano anche in molti mammiferi.

Questi nuovi dati supportano l’idea che un aumento degli steroidi sessuali prenatali sia una delle possibili cause dell’autismo. Un’altra è la genetica e questi ormoni probabilmente interagiscono con i fattori genetici che influenzano lo sviluppo del cervello fetale“, ha spiegato il professor Simon Baron-Cohen, direttore dell’Autism Research Center dell’Università di Cambridge e autore principale dello studio.

Questi livelli alti di ormoni potrebbero provenire dalla madre, dal bambino o dalla placenta e il nostro prossimo passo sarà studiare tutte le possibili fonti e la loro interazione durante la gravidanza“, ha affermato Alex Tsompanidis, uno studente di dottorato di Cambridge che ha partecipato allo studio.

“Eravamo interessati a comprendere l’autismo, non a prevenirlo”

Questa scoperta è entusiasmante perché il ruolo degli estrogeni nell’autismo è appena stato studiato e speriamo di saperne di più su come contribuiscono allo sviluppo del cervello fetale in esperimenti successivi“, ha affermato la sua collega, Alexa Poh.

Tuttavia, questi risultati non possono essere utilizzati per rilevare l’autismo: “Eravamo interessati a comprendere l’autismo e non a prevenirlo“, ha avvertito il professor Baron-Cohen.