Andare spesso in bagno di notte: quali sono le principali cause?

Quando si urina spesso di notte, alla base possono esserci diversi fattori causali. Quali sono e quando è opportuno preoccuparsi.

Sono tante le persone che, durante la notte, si trovano nella situazione di dover andare spesso in bagno per urinare. Se la cosa va avanti per poco tempo, non è il caso di allarmarsi.

Nei casi in cui cui, invece, si dovesse protrarre, è bene approfondire il tutto. Ciò vuol dire, per esempio, capire le cause. Nelle prossime righe, vediamo assieme qualcosa in merito.

Urinare spesso di notte: le cause

Quando si parla dei motivi per cui si va spesso in bagno di notte, è impossibile non chiamare in causa l’influenza di alcune tipologie di farmaci. In questo novero è possibile includere innanzitutto quelli per il controllo della pressione.

Da non dimenticare è anche un altro fattore, ossia la gravidanza. Le donne in dolce attesa, infatti, hanno a che fare con il peso esercitato dal feto sulla vescica. In questi frangenti, è normale avere spesso la necessità di urinare.

Ricordiamo altresì che pure gli anziani possono trovarsi in questa situazione. Il motivo, in questo caso, è legato al funzionamento del sistema urinario, molto meno efficiente rispetto a quello di chi è giovane.

Da non trascurare è altresì la situazione di chi soffre di ritenzione idrica, per non parlare di chi, invece, ha un’infezione al tratto urinario.

LEGGI: Dolore quando si urina: ecco 7 possibili cause

Altre informazioni

Chi non riconosce la propria situazione tra quelle appena elencate, dovrebbe contattare tempestivamente il proprio medico di medicina generale.

Quando non si ha a che fare con questi fattori, chi urina spesso di notte potrebbe essere interessato da problemi molto più seri, come per esempio il tumore al cervello, il morbo di Parkinson o altre forme di demenza.

Fondamentale è porre l’accento sul fatto che, in caso di febbre e presenza di sangue nelle urine, alla base può esserci un‘infezione del tratto urinario, curabile con un antibiotico. Concludiamo rammentando che, in ogni caso, prima di prendere qualsiasi farmaco è necessario contattare il proprio medico curante.

LEGGI ANCHE: Cancro alla prostata: gli scienziati sviluppano un test delle urine da fare in casa