Anche una sola sigaretta al giorno può causare ictus e malattie cardiache

I fumatori dovrebbero smettere di fumare anziché ridurre il numero di sigarette fumate per diminuire significativamente il rischio di malattie cardiache e ictus.

0

I fumatori dovrebbero smettere di fumare anziché ridurre il numero di sigarette fumate per diminuire significativamente il rischio di malattie cardiache e ictus.

Lo suggerisce un nuovo studio.

Secondo la ricerca, le persone che fumavano anche una sola sigaretta al giorno avevano ancora circa il 50% in più di probabilità di sviluppare malattie cardiache e il 30% in più di probabilità di avere un ictus rispetto alle persone che non avevano mai fumato.

I ricercatori sostengono di aver dimostrato che non esiste un livello sicuro di fumo.

Tuttavia, chi ha deciso di smettere di fumare, è stato più incline a diminuire il rischio di malattie cardiache e ictus.

La malattia cardiovascolare – e non il cancro – rappresenta il maggiore rischio di mortalità a causa del fumo, provocando circa il 48% dei decessi prematuri.

La ricerca ha analizzato i dati di 141 studi, pubblicata su BMJ, e ha mostrato che 20 sigarette al giorno sarebbe la causa di sette infarti o ictus in un gruppo di 100 persone di mezza età.

Però, in caso di riduzione a una sigaretta al giorno, ciò causerebbe comunque tre attacchi di cuore, ha suggerito la ricerca.

I ricercatori hanno affermato che gli uomini che fumano una sigaretta al giorno avevano circa il 48% di rischio in più di sviluppare una malattia coronarica e il 25% in più di probabilità di avere un ictus rispetto a chi non ha mai fumato.

Per le donne, il rischio è ancora più alto: il 57% per le malattie cardiache e il 31% per l’ictus.

Il professore Allan Hackshaw (UCL Cancer Institute presso l’University College di Londra), che ha guidato lo studio, ha dichiarato alla BBC: “In alcuni Paesi, si è registrata una tendenza nei fumatori di ridurre le sigarette, pensando che questo possa essere soddisfacente in relazione alla possibilità di sviluppare un cancro. Invece, per quanto concerne malattie cardiache e ictus, non è così: bisogna smettere completamente“.

Il professor Hackshaw ha affermato che l’aumento dei rischi di malattie cardiovascolari si è verificato nel corso di una vita ma il danno potrebbe essere dovuto da pochi anni di fumo.

Comunque, c’è una buona notizia: coloro che smettono di fumare potrebbero ridurre rapidamente anche il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari.

Secondo Paul Aveyard, professore di medicina comportamentale all’Università di Oxford, lo studio ha confermato ciò che gli epidemiologi avevano già sospettato, ovvero che il fumo leggero crea “un rischio sostanziale per malattie cardiache e ictus“.

Tuttavia, ha detto che è sbagliato concludere che fumare di meno sia inutile.

Coloro che cercano di ridurre il fumo, hanno maggiori probabilità di fermarsi alla fine e, quindi, di ridurre realmente i rischi derivanti dal fumo“, ha affermato.