7 cibi che puoi mangiare anche dopo la scadenza / LA LISTA

Capita a tutti di dimenticare qualcosa per troppo tempo dentro il frigo e di avere il dubbio: "Lo posso ancora mangiare?". Ecco cosa è meglio sapere.

Capita a tutti di dimenticare qualcosa per troppo tempo dentro il frigo e di avere il dubbio: “Lo posso ancora mangiare?”. Il consiglio è sempre di non esagerare quando si acquistano i cibi al supermercato e di comprare solo lo stretto necessario affinché nulla venga buttato nel cassonetto. Ma, a volte, questo accade comunque.

Queste informazioni valgono solo se i prodotti sono conservati in luoghi adatti e consoni alla conservazione dei cibi. Non tenete conto di questa lista se gli alimenti sono conservati in luoghi umidi o sotto il sole.

Prima di iniziare è bene però fare una distinzione tra due tipi di data di scadenza (che ricordiamo è obbligatoria per legge in ogni alimento)

  • Da consumarsi entro;
  • Da consumarsi preferibilmente entro;

Nel primo caso consigliamo di rispettare la data di scadenza perché mangiando il cibo oltre il giorno prefissato potremmo incorrere in problemi di salute. Meglio non rischiare.

Nel secondo caso invece è possibile avere più margine e aumentare i tempi di conservazione del prodotto, oltre al giorno indicato, senza avere il timore di dover star male.

YOGURT

Yogurt. Questi alimenti si possono consumare fino a 6 o 7 giorni dopo. È bene verificare che la stagnola che li chiude sia intatta. È giusto informare, però, che col passare del tempo le proprietà nutritive potrebbero ridursi.

FORMAGGI

Formaggi. Qui bisogna fare una distinzione: fresco o stagionato? Se il formaggio è fresco consigliamo di seguire alla lettera la data di scadenza e non andare oltre. Se,invece, il formaggio è stagionato, qualche tempo dopo la scadenza potrebbero presentarsi delle muffe che comunque è possibile rimuovere senza problemi. La comparsa delle muffe non è un problema e potete, con l’aiuto di un coltello, rimuoverle e mangiare senza rischi.

UOVA

uova

Uova. Le uova crude andrebbero consumate al massimo 3 giorni dopo la data di scadenza. Se invece avete già oltrepassato la data, potete friggerle e consumarle entro e non oltre una settimana.

OLIO

olio d'oliva

Olio. L’olio conservato in modo ottimale può resistere ben 8 mesi dopo la data di scadenza riportata sull’etichetta.

PASTA E BISCOTTI

Pasta e Biscotti. La loro scadenza varia dai 2 ai 2 anni e mezzo ma non ci sono particolari problemi nel consumarli qualche mese dopo la data di scadenza. E’ importante, come per tutto il resto degli alimenti, conservarli in un luogo adatto e in questo caso in un luogo fresco e asciutto.

CIOCCOLATO FONDENTE

zinco nel cioccolato fondente

Cioccolato Fondente. Questo alimento può essere consumato anche un anno dopo la data di scadenza purchè non abbia al suo interno ingredienti come creme o frutta secca. Affidatevi sempre ai vostri sensi e osservate la presenza di buchi o macchie sospette prima di mangiarlo.

Panettoni, pandori e colombe. Nel periodo di feste può capitare di ricevere dolci tipici e di non avere la possibilità di consumarli subito. In questo caso il consiglio è quello di non attendere oltre le due settimane dalla data di scadenza e di fare molta attenzione all’aspetto assicurandosi che il tutto sia conservato lontano da fonti di calore che potrebbero far perdere la fragranza tipica di questi deliziosi alimenti.