6 rimedi casalinghi per curare la tigna

La tigna è una forma altamente contagiosa di fungo della pelle oltre 700mila persone vanno dal medico ogni anno per le cure del caso.

0

La tigna, conosciuta anche come dermatofitosi, è una forma altamente contagiosa di fungo della pelle e, secondo il Center for Disease Control and Prevention (CDC), oltre 700mila persone vanno dal medico ogni anno per le cure del caso.

Migliaia di persone contagiate, invece, non cercano cure, quindi ecco alcuni rimedi casalinghi. È importante tenere presente, però, che bisogna sempre consultare un medico prima di cominciare a curare la tigna a casa.

Curcuma

curcuma

La curcuma è nota per le sue proprietà antinfiammatorie. Si ritiene che un componente presente nella curcuma chiamato curcumina abbia proprietà antimicrobiche.

Come usare:

  • Usa la curcuma nel tè o nella preparazione dei pasti;
  • L’uso diretto della curcuma è più efficace sulle infezioni fungine;
  • Mescolare con acqua o olio di cocco e applicare il composto sulla zona infetta;
  • Lasciare il più a lungo possibile sull’area prima di risciacquare.

Attenzione: l’applicazione della curcuma può far apparire la pelle gialla, ma non bisogna preoccuparsi, perché svanisce in pochi giorni.

Aceto di sidro di mele

Le proprietà anti-fungine dell’aceto di mele possono aiutare a curare il prurito. Il contenuto nell’aceto di sidro di mele non filtrato regola la crescita dell’infezione, neutralizzando il pH.

Come usare:

  • Applicare l’aceto di sidro di mele sulla zona infetta usando un batuffolo di cotone;
  • Ripetere il ​​procedimento fino a 3 volte al giorno;
  • Risciacquare dopo 15 minuti.

Estratti di foglie di Neem

L’Azadirachta indica, conosciuta anche come Neem dagli indiani nativi, è in grado di rimuovere i principali patogeni dalla pelle.

Come usare:

  • Far bollire le foglie di neem in acqua per alcuni minuti;
  • Lavare l’area infetta usando l’acqua;
  • Non fare bollire troppo a lungo o usa le foglie di neem direttamente sull’infezione perché potrebbe causare irritazione alla pelle.

Olio di cocco

acqua-cocco-2

L’olio di cocco contiene una certa quantità di acidi grassi che aiutano l’infezione, danneggiando le membrane cellulari del fungo. L’olio di cocco può essere un rimedio efficace solo in caso di infezioni cutanee lievi e moderate.

Come usare:

  • Applicare l’olio di cocco sulla zona infetta 3 volte al giorno.
  • Usare l’olio per alcune settimane anche dopo che l’infezione è scomparsa;
  • Applicare l’olio di cocco come idratante può essere un modo efficace per prevenire le future infezioni.

Olio di origano

L’olio di origano – in particolare l’origano selvatico (Origanum vulgare) – contiene timolo e carvacrolo che possono fermare la crescita di funghi.

Come usare:

  • Utilizzare l’olio di origano diluito sulla zona infetta.
  • Applicarlo fino a 3 volte al giorno.

Importante: assicurati di usare l’olio di origano selvatico (Origanum Vulgare) poiché la maggior parte dell’olio di origano sul mercato è l’origano comune (origano maggiorana).

Aglio

L’aglio è il rimedio più comune per trattare le infezioni. L’aglio può essere efficace contro la tigna, così come contro la Candida.

Come usare:

  • Non applicare la pasta di aglio crudo direttamente sul fungo. Può causare irritazione per ore;
  • Mescolare la pasta dell’aglio con olio d’oliva o olio di cocco;
  • Applicare un sottile strato di pasta sulla zona infetta usando un batuffolo di cotone o un indumento pulito;
  • Tenerla sull’area per 2 ore prima di risciacquarlo.
  • Ripetere l’operazione due volte al giorno, fino a quando non si nota un miglioramento.

Commenti