4 segni che indicano che stiamo mangiando troppo sale

Il sale è un'elettrolita essenziale per molte funzioni del nostro organismo ma ci sono 4 segni che ci indicano che ne stiamo mangiando troppo.

Foto di moritz320 da Pixabay
  • Il sale è importante per il nostro organismo, partecipa a diverse funzioni essenziali. Tuttavia, un consumo eccessivo può danneggiare la salute.
  • Quando mangi troppo sale lo senti tramite dei sintomi che t’invia il corpo e gli esperti ne hanno scoperti 4.
  • In questo articolo troverai i 4 segni ed anche i consigli per non eccedere con il consumo di sale.

Il sale è un’elettrolita essenziale per molte funzioni del nostro organismo ma ci sono 4 segni che ci indicano che ne stiamo mangiando troppo.

Consumo di troppo sale: i 4 segni

Il sale ha una cattiva reputazione, invece è cruciale per il mantenimento del bilancio dei liquidi, trasportare gli impulsi nervosi e sostenere le contrazioni muscolari adeguate.

Il corpo ha quindi bisogno di una quantità sufficiente di minerali per svolgere le funzioni descritte, tuttavia assumere troppo sodio nella dieta può danneggiare la tua salute.

Sono gli esperti ad analizzare i 4 segni che indicano che stai mangiando troppo sale consigliandoti cosa fare.

1. Hai sete tutto il tempo

Sai bene che quando mangi molto sale poi devi fare i conti con la sete continua, quella che non sazia, i cibi salati ci fanno sentire aridi. Perché succede questo?

Ebbene, con l’aumento di sodio aumenta anche la concentrazione del sangue che inizia a salire e così cervello e reni iniziano a ‘lavorare’ per ristabilire l’equilibrio.

L’ormone antidiuretico, ad esempio, può essere attivato in modo che il corpo trattiene i liquidi che aiutano a diluire il picco di sodio. I segnali neurali possono anche attivarsi per promuovere sensazioni di sete, secondo uno studio del dicembre 2016 su Current Biology.

Quando inizi a sentire i sintomi fisici come secchezza delle fauci e noti la pelle secca, il tuo corpo ti sta dicendo che devi bere e reidratare le tue cellule.

2. Hai la sensazione di essere ‘gonfio’

“Più sodio consumi, più acqua porterai”, dice a LIVESTRONG.com Kate Patton, RD, una dietista registrata presso il Centro per la nutrizione umana della Cleveland Clinic. Questo perché l’acqua segue il sale a causa dell’osmosi.

Anche se può sembrare controintuitivo bere più acqua quando ti senti gonfio in realtà può contrastare gli effetti del mangiare troppo sale. Il consumo di liquidi adeguati può eliminare tutto, compreso il sodio in eccesso dall’organismo.

“Per combattere la sensazione di gonfiore, bere molta acqua, fare una passeggiata dopo quel pasto o bere un tè al limone”, raccomanda Beckerman.

3. Senti che il cibo fatto in casa ha un sapore insipido

Potresti dare la ‘colpa’ alla tua saliera quando si tratta di un’elevata assunzione di sodio. Invece no, è quello trovato negli alimenti trasformati e confezionati come le zuppe in scatola, i pasti surgelati, gli snack e i salumi: questi costituiscono la maggior parte del nostro consumo di sodio.

In effetti, secondo un ampio studio del dicembre 2016 pubblicato sull’American Journal of Hypertension, è stato scoperto che le persone che hanno mangiato quantità maggiori di cibi ultra-elaborati hanno una probabilità significativamente più alta di avere la pressione alta.

“Alimenti integrali come frutta, verdura, cereali integrali e noci e semi crudi sono naturalmente a basso contenuto di sodio”, dice Patton.

“L’esposizione di cibi fritti, saporiti o eccessivamente salati può far abituare le papille gustative a un certo livello di sale”, osserva Beckerman. Il risultato? I pasti cucinati in casa hanno un sapore insipido, che probabilmente ti farà ricorrere di nuovo al cibo da asporto. Insomma, un circolo vizioso.

4. La tua pressione sanguigna aumenta

Il sale non è l’unica cosa che può influenzare la pressione sanguigna ma anche fattori anche genetici, stress, peso, assunzione di alcol e attività fisica, secondo Harvard Health Publishing. Ma il consumo cronico di cibi ad alto contenuto di sodio può svolgere un ruolo importante.

“L’eccessiva assunzione di sodio promuove la ritenzione di volume, che è un fattore importante per la pressione alta o ipertensione”, dice a LIVESTRONG.com Luke Laffin, MD, cardiologo preventivo presso la Cleveland Clinic.

Tutto quel fluido in più può esercitare una forza sui vasi sanguigni. Nel tempo, questa pressione può ostacolare il normale flusso di sangue e ossigeno agli organi, rendendo ancora più difficile il pompaggio del cuore e i reni per ripristinare l’equilibrio di liquidi ed elettroliti, secondo la Cleveland Clinic.

“L’ipertensione incontrollata a lungo termine predispone le persone ad un aumento del rischio di ictus, attacchi di cuore, insufficienza cardiaca e malattie renali croniche”, afferma il dott. Laffin. “Sebbene l’associazione non sia così chiara, alcuni dati suggeriscono che l’ipertensione incontrollata può aumentare il rischio di demenza o deterioramento cognitivo”.

La pressione sanguigna sana è inferiore a 120/80 mm Hg, cerca di mantenerla tale.