14enne muore di cancro, i genitori hanno rifiutato la chemioterapia

Zara, una ragazza statunitense di 14 anni, è morta dopo che i genitori hanno rifiutato che fosse trattata con la chemioterapia.

0
chemioterapia

Zara, una ragazza statunitense di 14 anni, è morta dopo che i genitori hanno rifiutato che fosse trattata con la chemioterapia.

Alla ragazza, dopo forti dolori alla testa e vomito frequente, è stato diagnosticato nel settembre 2017 un tumore al cervello. L’operazione era impossibile, perché il cancro non poteva essere asportato con la chirurgia.

Di conseguenza, l’unica soluzione era sottoporre la ragazza alla chemioterapia ma i genitori hanno rifiutato perché sostengono che non uccide solo le cellule malate ma anche quelle sane, arricchendo le cause farmaceutiche.

[amazon_link asins=’B079ZM92N6,B00HUQ74P6,B00TQ46IY8,B01LQV2BNA,B00N43SYV2,B079CJG2CK,B00HCPTBIS,B015E130JC,B077ZYJ2W8′ template=’ProductCarousel’ store=’gianbolab-21′ marketplace=’IT’ link_id=’3721fb66-a5f3-11e8-93be-a36ca2d436bb’]

E non finisce qui: perché i genitori – leggendo qua e là per il web – hanno deciso di curarla con l’incenso e la curcuma, dopo aver chiesto ai medici di usare infusioni di vitamina C e perossido di idrogeno.

Il 31 luglio scorso, però, dopo una battaglia legale durata un anno, il Tribunale ha emesso l’ordinanza di usare immediatamente il trattamento della chemioterapia. Tuttavia, le condizioni di Zara erano peggiorate ed è entrata in coma fino al momento del decesso, avvenuto l’8 agosto scorso.