10 sintomi comuni dell’arrivo della menopausa

La menopausa è sicuramente un periodo difficile per le donne che presentano molti sintomi spiacevoli causati da uno squilibrio ormonale.

0

La menopausa è sicuramente un periodo difficile per le donne che presentano molti sintomi spiacevoli causati da uno squilibrio ormonale.

La durata e la gravità dei sintomi possono variare da persona a persona.

In genere, una donna comincia a notare questi segni intorno alla metà dei 40 anni, quando la sua capacità riproduttiva si sta per esaurire, e in media, dura quasi quattro anni dall’ultimo ciclo. In alcuni casi, le donne possono manifestare i sintomi della menopausa fino a 12 anni.

VAMPATE DI CALORE

Le vampate di calore determinano un’improvvisa sensazione di calore che si diffonde sul corpo. Di solito sono accompagnate da arrossamento sul viso e sulla parte superiore del corpo.

Le vampate di calore si verificano come reazione del corpo a una piccola quantità di estrogeni. Quando una donna si avvicina alla menopausa, i suoi livelli di estrogeni cominciano a diminuire.

SUDORAZIONI NOTTURNE

La sudorazione notturna non è in realtà un disturbo del sonno ma può causare problemi di sonno e insonnia.

La sudorazione notturna è molto comune nelle donne in menopausa e può variare da lieve a intensa. Può essere causata da uno squilibrio ormonale ma anche da altri fattori.

CICLI IRREGOLARI

La maggior parte delle donne sperimenta cicli irregolari a un certo punto della vita. La causa più comune è lo squilibrio ormonale. I cicli mestruali possono arrivare prima o dopo rispetto al solito.

Le donne in procinto di essere in menopausa cominciano a sperimentare irregolarità mestruali a causa della diminuzione dei livelli di estrogeni e progesterone.

Attenzione, però: i cicli irregolari possono essere un sintomo di altre condizioni, quindi è sempre meglio consultare il medico.

SECCHEZZA VAGINALE

La secchezza vaginale si verifica quando scompare la normale sensazione di umidità del rivestimento della vagina e si sviluppano sintomi come irritazione e prurito. Ciò succede a causa della diminuzione dei livelli di estrogeni. Il tessuto vaginale comincia ad essere più secco e meno elastico.

La secchezza vaginale è una delle cose più spiacevoli che possono accadere durante la menopausa, perciò è importante individuare un trattamento adeguato.

SBALZI D’UMORE

Gli sbalzi d’umore che avvengono in menopausa possono essere difficili da affrontare.

A una donna che sperimenta sbalzi d’umore può sembrare di vivere sulle montagne russe: in un minuto è sconvolta, nell’altro è felice. La gravità degli sbalzi d’umore può variare da donna a donna. In alcuni casi, i cambiamenti possono essere così gravi che possono davvero rendere difficoltosa la vita quotidiana. Come gli altri sintomi della menopausa, gli sbalzi d’umore sono causati da uno squilibrio ormonale e possono essere alleviati.

PERDITA DI CAPELLI

Molte donne notano la caduta dei capelli quando si avvicinano alla menopausa. È anche il risultato dei bassi livelli di estrogeni. A quanto pare, i follicoli piliferi hanno bisogno di estrogeni per crescere. La perdita dei capelli può essere graduale o improvvisa ma, in ogni caso, questo sintomo è molto sconvolgente per la maggior parte delle donne.

Fortunatamente, esistono modi per trattare lo squilibrio ormonale e migliorare la condizione dei capelli.

STANCHEZZA

L’affaticamento, accompagnato da una sensazione di debolezza e bassi livelli di energia, è un segno tipico della menopausa. Può anche includere irritabilità e apatia. L’affaticamento durante la menopausa è causato dalla fluttuazione dei livelli ormonali. I medici, comunque, sono in grado di gestire questa condizione contrastando lo squilibrio ormonale.

PROBLEMI DI SONNO

L’insonnia e altri disturbi del sonno sono solitamente collegati alla menopausa. Le donne in questo periodo potrebbero scoprire che la qualità del sonno non è buona come prima.

DIFFICOLTÀ A CONCENTRARSI

Alcune donne in menopausa hanno problemi a ricordare cose o difficoltà a concentrarsi. Anche in questo caso la causa è da addebitare alla carenza di estrogeni, così come la carenza di sonno.

OSTEOPOROSI

L’osteoporosi è una patologia ossea che provoca il diradamento e l’indebolimento dell’osso.

Significa anche una diminuzione generale della densità ossea.

La menopausa ha un impatto negativo sulla crescita ossea. In genere, l’osso vecchio viene sostituito con nuove cellule ossee ma questo processo rallenta con l’età. L’estrogeno gioca un ruolo importante nell’assorbimento del calcio, quindi, quando i livelli di estrogeni diminuiscono, avviene una riduzione accelerata della densità ossea. Le donne in menopausa sono molto più suscettibili a fratture e rotture.

Commenti