Aneurisma celebrale: cos’è i sintomi che fanno scattare l’allarme

La rottura di un aneurisma cerebrale è una situazione di emergenza medica con conseguenze anche letali. Ecco perché molto importante riconoscere i sintomi.

0

I ricercatori sostengono che i vasi sanguigni sono la parte più debole del nostro corpo. Ed è difficile non essere d’accordo con questa affermazione, perché molte persone in tutto il mondo soffrono di malattie vascolari.

Alcune di queste patologie possono essere prevenute, quindi è molto importante conoscerle.

Una delle condizioni più gravi è l’aneurisma cerebrale.

COS’È UN ANEURISMA CEREBRALE?

Il sangue, si sa, scorre lungo il cervello. Ora, un vaso sanguigno può gonfiarsi verso l’esterno e premere sull’organo e il caso più pericoloso è quando questo ‘palloncino’ si rompe, lasciando fuoriuscire il sangue.

La rottura di un aneurisma cerebrale è una situazione di emergenza medica con conseguenze anche letali. Ecco perché molto importante riconoscere i sintomi.

QUALI SONO GLI ANEURISMI E I SINTOMI

  • Aneurismi piccoli e non curati. Questo tipo di problema è più comune. Gli studi dimostrano che tra il 6% e il 9% della popolazione può avere un piccolo aneurisma che non si romperà mai. I piccoli aneurismi non causano alcun sintomo e si potrebbe scoprire di non averne mai uno.
  • Aneurismi sporgenti. A volte, gli aneurismi non curati possono essere così grandi da iniziare a premere sui nervi o sul cervello. Questa condizione si traduce in diversi sintomi neurologici. Ecco quali:
  • Mal di testa localizzato in un’area;
  • Visione doppia o sfocata;
  • Dolore agli occhi;
  • Debolezza, intorpidimento della bocca o delle estremità;
  • Problemi nel parlare;
  • Nausea o vomito;
  • Difficoltà a deglutire.

Quando un aneurisma si rompe, il sangue comincia a filtrare nei tessuti cerebrali. Di solito ciò ha effetti devastanti sul cervello. Quando questo succede, i segni sono gravi e improvvisi:

  • Mal di testa improvviso e grave: i pazienti lo hanno spesso descritto come il peggiore mai avuto nella loro vita;
  • Vomito;
  • Perdita di conoscenza;
  • Cambiamento dello stato mentale;
  • Torcicollo;
  • Difficoltà improvvise a camminare e vertigini;
  • Palpebre che si chiudono;
  • Pupille dilatate;
  • Sensibilità alla luce.

CHI È AD ALTO RISCHIO?

I ricercatori spiegano che il maggior numero di pazienti colpiti da aneurisma hano tra i 35 e i 60 anni e le donne che sono più vulnerabili.

È importante, poi, tenere conto della storia familiare.

Anche il consumo di alcol e droghe sono fattori importanti.

Così come il subire un colpo alla testa.

Commenti