6 motivi per cui lo zenzero fa bene alla salute

Lo zenzero è stato usato in Cina e in India per secoli prima che diventasse noto in altre parti del mondo.

0
108

Lo zenzero è stato usato in Cina e in India per secoli prima che diventasse noto in altre parti del mondo.

Le radici di zenzero sono usate come spezia e rimedio naturale per vari disturbi.

Ecco come lo zenzero può giovare alla tua salute:

AIUTA AD ALLEVIARE LA NAUSEA

Lo zenzero è un rimedio efficace contro la nausea.

Può aiutare ad alleviarla come effetto collaterale della chemioterapia e del trattamento dell’HIV / AIDS.

La nausea può essere anche quella mattutina nelle donne in gravidanza o in caso di cinetosi o intervento chirurgico.

Lo zenzero, però, pare non aiuti a prevenire il vomito.

RIDUCE IL DOLORE MUSCOLARE DOPO L’ESERCIZIO FISICO

In uno studio condotto dall’Università della Georgia, USA, lo zenzero ha contribuito a ridurre il dolore muscolare post-esercizio nel 25% nei partecipanti. È stato, però, un piccolo studio che ha coinvolto 74 persone. Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare l’efficacia dello zenzero per questo scopo.

ALLEVIA IL DOLORE MESTRUALE

Ci sono alcune prove che dimostrano che l’assunzione di 1.500 mg di zenzero in 2 dosi, divise ogni giorno per i primi tre giorni del ciclo mestruale, può rendere meno intenso il dolore e altri sintomi.

RIMEDIO PER RAFFREDDORE E INFLUENZA

Lo zenzero sembra avere proprietà antivirali e antibatteriche. Bere tè allo zenzero quando si ha un raffreddore o l’influenza può aiutare ad alleviare i sintomi.

ABBASSA IL COLESTEROLO NEL SANGUE

In uno studio, i partecipanti con il colesterolo alto hanno assunto un grammo di zenzero tre volte al giorno per 45 giorni e hanno mostrato livelli ridotti del colesterolo totale e dei trigliceridi. Questi risultati suggeriscono che lo zenzero può aiutare a mantenere sano il cuore.

UTILE PER CHI SOFFRE DI ARTRITE

Lo zenzero può avere proprietà anti-infiammatorie e alcuni studi dimostrano che può aiutare ad alleviare il dolore alle articolazioni in soggetti con artrosi e artrite reumatoide.

Commenti