Quali sono le malattie successive alla guarigione dal Covid-19?

Se hai contratto il Covid-19 - secondo gli esperti - hai più probabilità d'incorrere a delle malattie successivamente. Ecco quali sono e i sintomi.

  • Le persone con Covid-19 lieve possono sviluppare complicanze a lungo termine che vanno ben oltre quelle polmonari.
  • Gli esperti dicono che ci sono chiari segni di malattie renali e cardiache di cui le persone dovrebbero essere consapevoli.
  • Farsi vaccinare è il modo migliore per evitare di sviluppare Covid-19 e il potenziale di effetti collaterali a lungo termine.

Molti non hanno contratto il coronavirus e aspettano di vaccinarsi, per tanti altri non è così: chi ha contratto il virus andrà incontro a delle complicanze che dureranno oltre la fine della pandemia.
Gli esperti oggi sanno dirci qualcosa in più sui sintomi successivi al recupero dal Covid-19.

Maggiore è stata la gravità della malattia, maggiore sarà il rischio di complicanze

In un recente studio pubblicato sulla rivista NatureTrusted Source, i ricercatori hanno scoperto che le persone che all’inizio dell’infezione hanno sviluppato gravi sintomi hanno più probabilità d’incorrere in complicanze a lungo termine come malattie renali e cardiache secondarie al Covid-19.

Cosa succede 6 mesi dopo aver avuto il Covid-19? Questa è la domanda che si è posto il Dr. Ziyad Al-Aly, assistente professore presso la scuola di medicina presso la Washington University di Saint Louis, che ha deciso di consultare il database contenente i risultati dello stato di salute delle persone 6 mesi dopo aver avuto il coronavirus.

É stato osservato che questi pazienti avevano un rischio maggiore di sviluppare malattie cardiache, diabete e complicanze renali.

Attualmente i ricercatori non riescono a capire la causa esatta e il collegamento tra Covid-19 e complicanze a lungo termine, tuttavia alcuni esperti suggeriscono che potrebbe essere il risultato di un’infiammazione del virus o forse una rivelazione di una condizione sottostante.

“Ci sono diversi modi per interpretare questi risultati”, ha detto il dottor Michael Goyfman, direttore di cardiologia clinica a Long Island Jewish Forest Hills nel Queens, New York.

“Uno è che Covid-19 ha provocato direttamente queste varie conseguenze sulla salute a causa dell’infiammazione causata dal virus, della risposta del corpo all’infezione tramite il sistema immunitario, ecc.”, ha spiegato Goyfman.

“Un altro punto di vista è che questi pazienti erano un po’più malati all’inizio, quindi le persone che hanno avuto un esito peggiore con Covid-19 erano quelle che avevano già queste condizioni e forse il loro ricovero per Covid-19 era solo il primo segno dei loro problemi di fondo”, ha detto Goyfman .

Sebbene il coronavirus colpisca in gran parte i polmoni, con la natura interconnessa del corpo, non è irragionevole vedere complicazioni metaboliche, cardiovascolari, muscolo-scheletriche e neurologiche secondarie alla malattia.

I sintomi da ricercare

È importante conoscere i sintomi di alcune complicanze che possono sorgere dopo aver affrontato la malattia.

Cardiopatia:

  • fastidio al petto;
  • dolore o pressione che si diffonde al braccio (destro o sinistro);
  • sudorazione senza una ragione ovvia;
  • sensazione di battito cardiaco irregolare;
  • stanchezza che si manifesta facilmente.

Malattie renali:

  • frequente bisogno di urinare;
  • urina schiumosa o sanguinante;
  • caviglie e piedi gonfi;
  • pelle secca e pruriginosa;
  • perdita di peso o scarso appetito.

Diabete:

  • estrema sete senza motivo;
  • intorpidimento o formicolio alle mani o ai piedi;
  • fame intensa;
  • continua stanchezza;
  • minzione frequente.

Chi svilupperà questi sintomi e chi no? Come proteggersi?

A questa domanda i professionisti della salute non possono rispondere, tuttavia – affermano – che anche chi ha sviluppato una malattia lieve può avere il rischio di sviluppare gli effetti collaterali a lungo termine.

Il suggerimento per proteggersi da eventuali complicanze è quello di vaccinarsi anche dopo aver contratto il Covid-19.

La migliore pratica per prevenire le complicanze COVID rimane la vaccinazione. I vaccini hanno dimostrato di prevenire gravi malattie da Covid-19 e proteggere le persone che potrebbero aver avuto l’infezione in precedenza dall’ammalarsi a causa di una nuova variante del virus“, ha affermato il dottor Thomas Gut, Presidente associato di medicina e Direttore dei servizi di assistenza ambulatoriale presso la Staten Island University Ospedale di New York.