È possibile avere un tumore al cuore?

Si è soliti sentire parlare dei ‘big killer’, i 4 tumori a più alta incidenza di mortalità in Italia ovvero quello del colon-retto, il tumore alla prostata, il tumore al seno, il tumore del polmone ma nessuno parla mai della possibilità di sviluppare il tumore al cuore, una forma rara ma possibile.

Tumore al cuore, cos’è?

Il tumore al cuore è possibile seppur rappresenti una forma rara, può essere in forma benigna o maligna, primitiva o secondaria (metastasi di altri tumori).

Tra le forme benigne il più diffuso è il mixoma e colpisce il muscolo cardiaco. Si identifica come benigno perché non è destinato a generare metastasi e si localizza spesso nell’atrio sinistro del cuore.

Spesso asintomatico ma quali sono i sintomi del mixoma?

  • affanno;
  • vertigini;
  • sincopi;
  • improvvise alterazioni dello stato di coscienza.

Scoprire di avere un tumore al cuore è un evento sporadico e causale, in quel caso l’unica alternativa è la rimozione chirurgica della massa tumorale.

Una differenza dovuta è data dai tumori cardiaci maligni, alcuni traggono origine dalle cellule del cuore (forme primitive) altre sono forme metastatiche che giungono al cuore da altre sedi del corpo spesso sono secondarie soprattutto a tumori polmonari, linfomi, carcinoma mammario, leucemia, melanoma, carcinoma epatocellulare e cancro del colon.

Gli angiosarcomi, invece, sono la principale neoplasia primitiva maligna.

I sintomi dei tumori cardiaci maligni hanno un esordio acuto e una progressione più rapida; possono essere presenti aritmie, febbre, malessere, calo ponderale, sudorazione notturna, anoressia, pericardite e scompenso cardiaco progressivo.

I tumori cardiaci metastatici, invece, possono manifestarsi con una dilatazione cardiaca improvvisa, tamponamento, arresto cardiaco o insufficienza cardiaca acuta.

Per una diagnosi accurata ci si avvale di ecocardiogramma e tecniche di imaging (radiografia del torace, tomografia computerizzata e risonanza magnetica), la biopsia è la conferma assoluta del sospettato tumore.

La terapia dei tumori maligni può includere radioterapia e chemioterapia sistemica.