Sindrome del dolore miofasciale: sintomi, fattori di rischio e trattamento

La sindrome del dolore miofasciale (SDM) è una condizione in cui una persona avverte dolore muscolare cronico in una certa zona del corpo.

0
211
mal-di-testa

La sindrome del dolore miofasciale (SDM) è una condizione in cui una persona avverte dolore muscolare cronico in una certa zona del corpo.

Il dolore di solito comincia (o peggiora) quando vengono stimolati i punti di innesco. La causa esatta della SDM non è chiara ma ci sono alcuni fattori che si ritiene siano coinvolti: il movimento ripetitivo del muscolo interessato, i periodi prolungati di inattività, lo stress mentale e l’ansia.

Il trattamento della sindrome del dolore miofasciale può includere antidolorifici, terapia fisica, massaggi, tecniche di rilassamento e altri approcci. I sintomi di solito migliorano con il trattamento, ma se la condizione non viene trattata, potrebbe peggiorare.

SINTOMI

  • dolore muscolare che peggiora con la pressione sul punto di innesco (spesso viene colpito il dorso);
  • dolore persistente che sembra dolorante, bruciante o pungente;
  • debolezza o rigidità nei muscoli interessati;
  • cefalea tensiva;
  • sonno pessimo, depressione e stanchezza dovuti al dolore costante.

In caso di questi sintomi, non esitare ad andare dal medico.

[amazon_link asins=’B07BSWWM79,B076GWXQY8,B06WRNM82B,B01LCMKLM6,B014776HI0,8820060310′ template=’ProductCarousel’ store=’gianbolab-21′ marketplace=’IT’ link_id=’16136933-8695-11e8-bd87-edd7d24d8d3f’]

FATTORI DI RISCHIO

Non è esattamente chiaro cosa causi la SDM ma ci sono alcuni fattori che si ritiene contribuiscano a questa condizione:

  • danno traumatico al muscolo;
  • danno da sforzo ripetitivo;
  • cattiva postura;
  • carenze dietetiche;
  • periodi prolungati di inattività o immobilità di una certa parte del corpo (come un arto rotto che si trova in una posizione fissa per un lungo periodo);
  • poco sonno e stanchezza;
  • stress mentale;
  • depressione e ansia.

TRATTAMENTO

Una volta confermata la diagnosi, il medico raccomanderà il trattamento, che può essere:

  • fisioterapia;
  • massaggi;
  • terapia ad ultrasuoni;
  • iniezioni sui punti d’innesco;
  • medicinali, compresi i FANS, gli antidepressivi triciclici e i sedativi.

Commenti