Scoperto legame tra l’ibuprofene e l’infertilità maschile

Gli uomini che assumono alte dosi di ibuprofene per un tempo continuato possono essere maggiormente a rischio di problemi di fertilità.

0

Gli uomini che assumono alte dosi di ibuprofene per un tempo continuato possono essere maggiormente a rischio di problemi di fertilità e anche di altre condizioni di salute, come la disfunzione erettile e la fatica.

Lo dice uno studio.

La ricerca su giovani uomini sani che hanno assunto il comune antidolorifico per un massimo di sei settimane ha mostrato che il farmaco ha interrotto la produzione di ormoni sessuali maschili e ha portato a una condizione normalmente osservata negli uomini e nei fumatori più anziani.

Gli uomini dai 18 ai 35 anni che hanno preso parte allo studio hanno sviluppato un disturbo chiamato ipogonadismo compensato entro due settimane dall’assunzione di 600 mg di ibuprofene due volte al giorno. La condizione si verifica quando il corpo deve aumentare i livelli di testosterone perché la produzione normale nei testicoli è diminuita.

I medici di Copenaghen, a capo dello studio, hanno affermato che, mentre il disturbo è stato lieve e temporaneo nei volontari, temono che possa diventare permanente negli utilizzatori di ibuprofene a lungo termine. Ciò porterebbe, infatti, a livelli continuamente bassi di testosterone.

La nostra preoccupazione immediata è per la fertilità degli uomini che usano questi farmaci da molto tempo“, ha detto David Møbjerg Kristensen dell’Università di Copenhagen.

L’ABUSO DELL’IBUPROFENE NEL CALCIO

Nel marzo di quest’anno, Jiři Dvořák, ex medico di fiducia della FIFA, ha avvertito sull'”allarmante tendenza” tra i giocatori di calcio di “abusare” di antidolorifici legali come l’ibuprofene.

Prima di dimettersi nel novembre 2016, Dvořák ha scoperto che quasi la metà di quelli che hanno giocato nelle ultime tre edizioni della Coppa del Mondo di Calcio hanno assunto farmaci anti-infiammatori tutti i giorni, come l’ibuprofene.

Bernard Jégou, uno degli autori dello studio, ha dichiarato di non aver riscontrato alcun problema nelle persone che hanno assunto l’ibuprofene per alleviare il dolore a breve termine – come il mal di denti, ad esempio – ma ha messo in guardia dall’assunzione del farmaco se non fosse strettamente necessario.

Normalmente vediamo questa condizione negli uomini anziani, quindi è chiaro che ciò sollevi un allarme“, ha detto Jégou. “Siamo preoccupati per questo, in particolare per le persone sane che non hanno bisogno di assumere questi farmaci. Il rischio è maggiore del beneficio“.

I RISCHI

La scoperta arriva dopo ripetuti avvertimenti da parte di altri ricercatori secondo cui l’ibuprofene può aumentare il rischio di attacchi di cuore e causare problemi medici per le donne incinte e i loro bambini, compreso il rischio raddoppiato di aborto spontaneo.

Nell’ultima ricerca, gli scienziati hanno esaminato l’impatto dell’ibuprofene su 31 giovani uomini sani nell’arco di sei settimane e hanno eseguito ulteriori test su cellule e pezzi di testicoli umani in laboratorio. L’ibuprofene ha abbassato la produzione di testosterone nei tessuti ma i livelli dell’ormone sono rimasti gli stessi negli uomini. Questo perché la ghiandola pituitaria alla base del cervello aveva incrementato i livelli di un altro ormone che guida la produzione di testosterone extra.

I dettagli dello studio sono stati pubblicati negli Atti della National Academy of Sciences.

William Colledge, professore di fisiologia riproduttiva all’Università di Cambridge, che non è stato coinvolto nella ricerca, ha dichiarato: “Lo studio suggerisce che gli uomini dovrebbero essere cauti nell’utilizzare alte dosi di ibuprofene per lunghi periodi. Sulla base di questi dati, personalmente sarei molto riluttante a prendere ibuprofene più a lungo dei 10 giorni normalmente indicati sul foglietto illustrativo“.

Commenti