Sanguinamento vaginale dopo la menopausa: 9 possibili cause

Se una donna ha attraversato la menopausa si prevede che non abbia più sanguinamenti vaginali. Ma può succedere. Ecco perché.

0
3343

Se una donna ha attraversato la menopausa (cioè non ha avuto un ciclo in almeno 12 mesi), si prevede che non abbia più sanguinamenti vaginali. Ma se ciò avviene nella post menopausa è imperativo che si dia notizia al ginecologo di questo sintomo.

In alcuni casi, una donna si accorge di non avere più cicli mestruali e ritiene che sia in menopausa. E poi, con sua grande sorpresa, riprendono i sanguinamenti mensili. Ciò significa che la menopausa non è davvero finita.

Nelle donne, però, che sono effettivamente in post menopausa, ci sono alcune cause di sanguinamento vaginale, per lo più non pericolose e facili da trattare. Le cause più gravi, invece, includono i tumori agli organi riproduttivi.

CAUSE

Il sanguinamento post menopausale può essere causato da quanto segue:

ATROFIA VAGINALE

La riduzione della produzione di estrogeni può portare all’assottigliamento del tessuto vaginale, secchezza e infiammazione. Ciò può provocare disagio e sanguinamento, specialmente dopo un rapporto sessuale.

POLIPI

I polipi sono escrescenze benigne che possono svilupparsi nell’utero, nel canale cervicale o sulla cervice. Il sanguinamento vaginale può essere l’unico sintomo che causano. Nella maggior parte dei casi, i polipi sono benigni ma hanno il potenziale di diventare cancerogeni.

ATROFIA DELL’ENDOMETRIO

A causa della mancanza di ormoni sessuali, l’endometrio (rivestimento dell’utero) può diventare sottile e ciò può portare al sanguinamento.

IPERPLASIA ENDOMETRIALE

Questa condizione può essere considerata l’opposto dell’atrofia dell’endometrio. Nell’iperplasia dell’endometrio, infatti, l’eccesso di estrogeni e la mancanza di progesterone possono causare la formazione del rivestimento uterino, che può portare al sanguinamento.

Se non trattata, l’perplasia endometriale può aumentare il rischio di cancro dell’endometrio.

CANCRO

Cancro dell’utero, della cervice e della vagina possono causare il sanguinamento post menopausale.

Altre cause di sanguinamento post menopausale:

  • endometrite (infezione del rivestimento uterino);
  • terapia ormonale;
  • uso di determinati farmaci, come anticoagulanti;
  • malattie sessualmente trasmissibili, tra cui la gonorrea e la clamidia.
TRATTAMENTO

Il trattamento del sanguinamento vaginale post menopausale dipende dalla causa:

  • terapia estrogenica per atrofia vaginale o endometriale;
  • terapia progestinica per iperplasia endometriale;
  • isteroscopia e D&C (dilatazione e curettage) per rimuovere i polipi o le aree ispessite del rivestimento uterino causate dall’iperplasia endometriale;
  • rimozione chirurgica di una parte o dell’intero organo interessato in caso di cancro;
  • radiazioni e chemioterapia per il cancro;
  • terapia ormonale per prevenire la recidiva del cancro.

Commenti