Raro caso di encefalocele, bimbo nato con una ‘sacca’ sul viso

Il caso era così raro che è stato assegnato a un team di 22 medici. Ecco com'è andata l'operazione.

0
71

Valeka Riegel non ha potuto guardare per mesi negli occhi suo figlio. Colpa di un raro difetto alla nascita: il viso del bambino era coperto da una sacca che si estendeva dalla fronte fino al labbro superiore. Tutto ciò che la madre vedeva era la piccola bocca del piccolo.

Ora Zakary è finalmente libero dalla protrusione dopo un lungo intervento chirurgico.

Quando ha visto il figlio senza quell’ostacolo, la madre ha pianto “perché non sapevo che aveva delle belle ciglia lunghe e grandi occhi marroni“, come ha raccontato a Today.com.

La donna stava cominciando il quinto mese di gravidanza quando un’ecografia ha rilevato ciò che il suo medico pensava fosse una cisti sulla guancia del bambino.

Più esami e una risonanza magnetica fetale hanno, invece, fornito una diagnosi molto più seria: un encefalocele. Il cranio del bambino non si è chiuso correttamente mentre si sviluppava, permettendo a parte del suo tessuto cerebrale di fuoriuscire attraverso la fessura nell’osso tra gli occhi, raccogliendosi in una sacca.

Dopo la scoperta, la donna è stata indirizzata al Cincinnati Children’s Hospital Medical Center.

Il caso era così raro che è stato assegnato a un team di 22 medici. C’erano, inoltre, dubbi sul fatto che il bambino sarebbe nato vivo, ma Zakary ha sorpreso tutti quando è stato partorito tramite taglio cesareo a fine dicembre 2016.

Il bambino era sano ma la sacca che gli copriva la faccia era così pesante che stava facendo crollare le sue cavità nasali. Perciò, una piccola fionda è stata ideata per sollevare la sacca dal naso e dalla bocca fino a quando non fosse abbastanza grande per l’intervento chirurgico. Poteva respirare da solo e succhiare da una bottiglia.

La madre è rimasta scioccata quando ha visto per la prima volta il piccolo: “Solo una grande protuberanza e piccole labbra piccole. Niente occhi, niente naso, niente ciglia“, ha scritto la donna nel blog dell’ospedale.

Zakary ha trascorso più di quattro mesi in terapia intensiva neonatale. Nell’aprile 2017 l’intervento di nove ore che ha richiesto una craniotomia, la rimozione della massa, la riparazione del difetto e la ricostruzione del viso.

Aveva un difetto nel sacco attorno al cervello e un difetto nell’osso“, ha detto il dottor Charles Stevenson, neurochirurgo pediatrico.

La rarità delle sue condizioni ha reso Zakary un paziente molto interessante con cui lavorare“, ha affermato il dott. Brian Pan, chirurgo plastico pediatrico che ha lavorato sul viso del bambino.

Il tessuto extra è stato analizzato per vedere se fosse cancerogeno, ma i risultati sono stati benigni. Il bambino è stato dimesso dall’ospedale una settimana dopo.

Ero arrivato ad innamorarmi di questo ragazzino con la grande palla sul volto“, ha detto la madre.

Le cicatrici sono guarite e il bambino sta andando molto bene. I medici le hanno detto che probabilmente non avrà bisogno di ulteriori interventi neurologici. La pelle extra sul viso di Zak sarà rimossa durante un futuro intervento ambulatoriale.

Commenti