Proctite: cause, sintomi e prevenzione

Si ha la proctite quando il tessuto del rivestimento del retto interno si infiamma, arrecando disagio e dolore.

0
1240
proctite

Si ha la proctite quando il tessuto del rivestimento del retto interno si infiamma, arrecando disagio e dolore.

In caso di proctite, si potrebbe provare la sensazione continua di andare in bagno per defecare. I sintomi possono essere di breve durata ma a volte questo problema può diventare cronico.re

LE CAUSE

Molti fattori possono causare la proctite e le persone che soffrono di malattie infiammatorie intestinali sono a rischio:

  • Morbo di Crohn;
  • colite ulcerosa;
  • infezioni trasmesse sessualmente;
  • trauma anale;
  • infezioni del retto;
  • radioterapia per il cancro.

Quasi il 30% di chi ha una malattia infiammatoria intestinale ha anche la proctite.

I SINTOMI

La proctite può causare vari sintomi spiacevoli e dolorosi:

  • sensazione di movimenti intestinali frequenti;
  • sanguinamento rettale;
  • dolore rettale;
  • diarrea;
  • sensazione di pienezza nel tuo retto;
  • dolore con movimenti intestinali.

Se si nota sanguinamento e muco in un movimento intestinale, dolore intenso e diarrea, bisogna andare al Pronto Soccorso.

La proctite può portare a gravi complicazioni, come emorragie e anemia. La diarrea, poi, può portare alla disidratazione. Quindi, nei casi di debolezza, vertigini, mancanza di respiro e mal di testa, è opportuno vedere un medico urgentemente.

COME ALLEVIARE I SINTOMI

Alcuni cambiamenti nello stile di vita possono aiutare ad alleviare il dolore.

  • Modificare l’alimentazione. Bisogna cercare di evitare i cibi piccanti, acidi e grassi. Una dieta blanda e morbida può alleviare il dolore della proctite. È opportuno, poi, bere molta acqua per lenire il passaggio delle feci. Si consiglia di evitare le bibite gassate, il caffè e il tè perché possono irritare l’apparato digerente.
  • Tenere traccia dei sintomi. È utile tenere un diario alimentare per monitorare il rapporto tra il cibo mangiato e i sintomi. Ad esempio, se notiamo che i sintomi peggiorano dopo aver bevuto latte, meglio optare per latticini senza lattosio.

Commenti