Perché non bisogna mischiare alcolici e antibiotici?

Alcuni dicono che il consumo di alcol durante una cura di antibiotici riduce l'efficacia dei farmaci. Per altri, invece, bere aumenterebbe gli effetti collaterali del trattamento.

0
1351

Alcuni dicono che il consumo di alcol durante una cura di antibiotici riduce l’efficacia dei farmaci. Per altri, invece, bere aumenterebbe gli effetti collaterali del trattamento.

Qual è la verità? È pericoloso bere alcolici e prendere gli antibiotici?

La risposta è sì perché, assorbendo alcuni antibiotici, il nostro corpo diventa incapace di degradare adeguatamente l’alcol consumato. Esso rimane più a lungo nel corpo, in una forma tossica. Ma ciò non ha nulla a che fare con la riduzione dell’efficacia del farmaco o l’aumento degli effetti collaterali.

LA DEGRADAZIONE DELL’ALCOL

Quando il corpo funziona normalmente, l’alcol viene degradato in acetaldeide (tossico per il corpo), prima di essere riconvertito in acido acetico. È solo in quest’ultima forma che può essere evacuato dall’organismo.

Ora, quando una persona assume alcuni antibiotici, il secondo enzima (la proteina responsabile della trasformazione dell’acetaldeide in acido acetico) è bloccato e non può svolgere il suo compito correttamente“, ha spiegato il professor Jacques Buxeraud, redattore capo della rivista Pharmaceutical News.

Pertanto, l’acetaldeide si accumula nel fegato senza essere in grado di essere degradato o evacuato. “Una sensazione di intossicazione si manifesta e persiste, portando a effetti collaterali quali abbassamento della pressione sanguigna, palpitazioni cardiache, mal di testa, vampate di rossore al viso, nausea, vomito…“, ha spiegato Buxeraud.

Alcuni antibiotici che provocano quest’effetto sono i seguenti: antibiotici cefalosporina come cefamandolo (utilizzato in caso di faringite streptococcica o enterobatteri), metronidazolo (per infezioni dentarie, per esempio) o tinidazolo (per determinate micosi).

Altri farmaci non sono influenzati da questo effetto, come l’amoxicillina. “Ma ciò non deve essere un’autorizzazione per bere alcolici – ha affermato il professor Jacques Buxeraud – Al contrario, per precauzione, non bisogna mai consumare alcolici quando si segue un trattamento“.

Oltre agli antibiotici, altri farmaci sono incompatibili con il consumo di alcol perché aumentano la sonnolenza. Questo è il caso per esempio di alcuni psicotropi (tipo ansiolitici, antipsicotici, antidepressivi, ecc.), alcuni antistaminici e analgesici (farmaci contro allergie cutanee o asma, ad esempio).

Commenti