Minore rischio di figlio con autismo se la donna assume acido folico o multivitaminico

Un team di ricercatori israeliani ha studiato 45.300 bambini nati tra il 1° gennaio 2003 e il 31 dicembre 2007.

0
116

Se sei in gravidanza, un nuovo studio potrebbe darti un motivo in più per ascoltare il tuo medico se ti prescrive un supplemento di acido folico o multivitaminico.

Un team di ricercatori israeliani ha studiato 45.300 bambini nati tra il 1° gennaio 2003 e il 31 dicembre 2007.

I bambini sono stati seguiti da giorno della nascita fino al 26 gennaio 2015.

La carenza di vitamina durante la gravidanza è incoerentemente associata al funzionamento cognitivo nella prole. Quindi, gli integratori di acido folico (AF) e multivitaminici sono abitualmente raccomandati alle donne che aspettano un bambino“, hanno spiegato gli autori dello studio.

Il nostro studio si propone di esaminare l’associazione tra l’integrazione materna di AF e multivitaminici prima e / o durante la gravidanza e il rischio di ASD (disturbo dello spettro autistico) nella prole“, hanno aggiunto.

I ricercatori hanno, quindi, scoperto che le madri che avevano ricevuto uno o entrambi i supplementi durante la gravidanza hanno avuto una probabilità stimata del 73% inferiore di avere un bambino con un disturbo dello spettro autistico rispetto alle donne a cui non era stato prescritto uno o entrambi questi supplementi.

Dei bambini nello studio, infatti, 572 sono stati diagnosticati con l’autismo.

L’esposizione materna a supplementi di acido folico e / o multivitaminici prima della gravidanza era associata a una minore probabilità di ASD nella prole rispetto a nessuna esposizione prima della gravidanza“, hanno detto i ricercatori.

Gli autori dello studio hanno affermato, tuttavia, che i loro risultati “richiedono un’interpretazione prudente a causa di numerose limitazioni” e che sono necessari studi futuri per replicare gli esiti.

La dottoressa Jennifer Ashton, corrispondente medico di ABC News, ha affermato che questo studio solleva “domande interessanti” sul preconcetto e sullo stato nutrizionale prenatale e sulla conseguente associazione con l’autismo.

In questo momento, il consenso generale è che non esista una sola causa di autismo ma più probabilmente fattori causali multipli. Tuttavia, questi risultati riflettono un’associazione positiva con la preconcezione materna e l’assunzione prenatale di acido folico / vitamine prenatali e un rischio ridotto di avere un bambino con autismo“, ha detto l’Ashton.

Questi risultati servono come promemoria dell’importanza della nutrizione prenatale”, ha aggiunto.

È fondamentale, tuttavia, non permettere che queste scoperte abbiano un impatto sociale negativo sulle madri che hanno bambini con l’autismo, dando loro la colpa, poiché ovviamente ci sono molte madri che hanno consumato acido folico in fase prenatale e, comunque, hanno avuto una prole con l’autismo“, ha detto la dottoressa.

Lo studio è stato pubblicato su The Journal of the American Medical Association Psychiatry.

Commenti