Metanfetamine: cosa sono e quali sono gli effetti sul nostro corpo

Ecco cosa succede al nostro corpo quando si usano le metanfetamine.

0
785

Ha molti soprannomi: meth, crank, chalk, speed. Il più diffuso è crystal meth, ovvero metanfetamina in cristalli. È una droga. Una potente droga che crea dipendenza fin dalla prima volta. La si assume sniffandola (cioè inalandola attraverso il naso), fumandola o iniettandola con un ago.

È uno stupefacente molto diffuso poiché economico. Tuttavia, come tutte le droghe pesanti, in chi la assume crea un immediato senso di euforia e di felicità, aumenta l’autostima e la capacità di rimanere svegli, infine toglie le inibizioni sessuali. I suoi effetti possono durare anche 24 ore, ma poi il mondo ritorna ad essere un posto buio e triste e la voglia di sentirsi così ‘bene’ (e, quindi, di assumere altra metanfetamina) diventa sempre più impellente.

Oltre alla dipendenza, l’uso di metanfetamine comporta anche altre conseguenze per il nostro organismo. In primis provoca comportamenti violenti, ansia, stati confusionali, insonnia, paranoia, allucinazioni e disturbi della personalità che possono spingere al suicidio. Non solo: l’uso prolungato danneggia anche le cellule cerebrali e crea problemi cardiaci.

Ma non è tutto. Chi usa questo tipo di droga subisce anche danni ‘visibili’. Prima di tutto la pelle si riempie di acne e piaghe perché a causa della vasocostrizione, le metanfetamine causano la sensazione di prurito e formicolio, e ciò porta a grattarsi. Poi si dimagrisce perché l’uso di questo stupefacente inibisce l’appetito, si perdono i denti (il tossicodipendente dimentica l’igiene quando è sotto l’effetto della sostanza) e la bocca viene interessata da patologie gengivali a causa dell’acidità della droga e della ridotta produzione di saliva.

Commenti