Mangiare un uovo al giorno riduce le malattie cardiovascolari

Un uovo al giorno aiuta a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari, la principale causa di morte nel mondo pari al 20%.

0
249
uovo

Un uovo al giorno aiuta a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari, la principale causa di morte nel mondo pari al 20%.

Secondo uno studio compiuto da un gruppo di scienziati del Centro di Scienze Sanitarie dell’Università di Peking, seguendo una dieta a base di uova si può ridurre del 12% il rischio di ictus, malattie cardiache e infarti.

Gli studiosi hanno analizzato le abitudini alimentari di ben 400 mila persone, con un’età compresa fra i 30 e i 79 anni. Il 13% dei partecipanti mangiava un uovo ogni giorno, mentre il 9,1% raramente. Nove anni dopo gli studiosi hanno scoperto che coloro che degli 84mila partecipanti che consumavano quotidianamente questo alimento, erano stati meno colpiti da patologie cardiovascolari.

[amazon_link asins=’B00JWSEGZQ,B00JC2TCIS,B06XDJYPRS,B079M8TM1K,B0158CIZ6K,B07BLWT7ZR’ template=’ProductCarousel’ store=’gianbolab-21′ marketplace=’IT’ link_id=’a442b04d-5f26-11e8-84df-9b5198a1a020′]

Mentre in passato l’uovo era stato additato come nemico della salute, accusato di causare il colesterolo – evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello Sportello dei Diritti oggi gli esperti sono concordi nell’affermare che dovrebbe essere inserito in modo stabile all’interno di una dieta equilibrata“.

Le uova infatti sono ricche di antiossidanti, aiutano a combattere le infiammazioni e costituiscono un’ottima fonte di proteine. Un uovo di medie dimensioni contiene circa 6 grammi di proteine, oltre a luteina, zeaxantina, vitamine E, D, e A.

La nostra analisi rileva che esiste un’associazione tra un livello moderato di consumo di uova e un tasso inferiore di eventi cardiaci – ha spiegato il dott. Liming Li, coautore della ricerca – Le nostre scoperte contribuiscono, con prove scientifiche, alle linee guida dietetiche circa il consumo di uova per un adulto cinese sano”.

La ricerca scientifica è stata pubblicata sulla rivista BMJ.

Commenti