La vostra crema solare non vi protegge come pensate: ecco perché

Siamo nel pieno dell'estate: le temperature stanno aumentando e molte persone stanno applicando coscienziosamente la crema solare prima di andare in spiaggia o semplicemente prima di passeggiare.

0
227
crema solare

Siamo nel pieno dell’estate: le temperature stanno aumentando e molte persone stanno applicando coscienziosamente la crema solare prima di andare in spiaggia o semplicemente prima di passeggiare.

La crema, però, potrebbe non proteggere quanto pensiamo. Lo sostiene uno studio.

Il punto non sta nei prodotti venduti sul mercato ma il modo in cui applichiamo la protezione solare.

Lo studio, pubblicato lo scorso 24 luglio sulla rivista Acta Dermatologia e Venereologia, rileva che uno strato relativamente sottile di crema solare con uno SPF (Fattore di Protezione Solare) di 50 non prevede, nella migliore delle ipotesi, che appena il 40% della protezione prevista.

Non c’è dubbio che la protezione solare fornisce un’importante protezione dagli effetti cancerogeni dei raggi ultravioletti del sole,” ha affermato l’autore principale dello studio, Antony Young, professore presso l’Istituto di Dermatologia del Collegio S. Giovanni Londra. “Tuttavia, questa ricerca dimostra che il modo in cui viene applicata la protezione solare gioca un ruolo importante nel determinare la sua efficacia“.

È noto che l’applicazione di una protezione solare insufficiente possa provocare scottature e lesioni cutanee. Ma il nuovo studio è uno dei primi a valutare la quantità di danni al DNA della pelle quando le persone applicano 0,75 milligrammi per centimetro quadrato di crema solare (ovvero la porzione ‘tipica’).

Lo studio ha coinvolto 16 persone con la pelle chiara esposte alle radiazioni ultraviolette (UV) per simulare la luce solare. Inoltre, è stata esposta soltanto una piccola parte della pelle dei partecipanti.

La crema solare è stata applicata in diverse quantità sulla pelle, da 0,75 mg/cm² (uso “tipico”) a 2 mg/cm (uso consigliato). I partecipanti sono stati esposti ai raggi UV per cinque giorni consecutivi per imitare le tipiche condizioni di vacanza. I ricercatori hanno anche cambiato la dose di esposizione ai raggi UV da bassa ad alta intensità.

Alla fine dell’esperimento, i ricercatori hanno effettuato dei prelievi di pelle esposta ai raggi UV.

Le biopsie hanno mostrato un danno notevole al DNA in aree con scarsa o nessuna protezione solare dopo l’esposizione ripetuta ai raggi UV.

Per di più, una giornata di esposizione UV a basse dosi a una zona senza protezione solare ha anche causato più danni al DNA rispetto all’esposizione a radiazioni UV a cinque giorni ad alte dosi, in un’area con una protezione solare sufficiente.

È risultato, poi, che il danno al DNA è un po’ diminuito quando la protezione solare è stata applicata in uno spessore pari a 0,75 mg/cm². D’altra parte, questo impatto è stato considerevolmente ridotto quando il prodotto è stato applicato a uno spessore di 2 mg/cm².

Per i ricercatori, in sintesi, i risultati “dimostrano che i messaggi sulla salute pubblica devono concentrarsi su una migliore applicazione della protezione solare per conseguire il massimo beneficio“.

Commenti