Epilessia: cos’è, sintomi e cause

L'epilessia è una malattia neurologica in cui una caotica attività elettrica nel cervello provoca convulsioni.

0
953
epilessia

Il cervello umano è uno dei sistemi più complessi che si possano immaginare e il suo funzionamento non è ancora completamente compreso. E quando qualcosa nel cervello va in tilt, come l’epilessia, la causa del problema potrebbe essere difficile da definire.

COS‘È L’EPILESSIA

L’epilessia è una malattia neurologica in cui una caotica attività elettrica nel cervello provoca convulsioni. Per diagnosticare l’epilessia, una persona dovrebbe sperimentare due o più convulsioni non provocate. Le crisi variano in base alla gravità e possono avere molte cause diverse.

SINTOMI DELL’EPILESSIA

Il sintomo principale dell’epilessia è un attacco convulsivo. Le convulsioni possono essere parziali (interessano solo una parte del cervello) o generalizzate (colpiscono l’intero cervello). Una persona può o non può essere cosciente durante un attacco.

Gli attacchi si manifestano così:

  • distorsione dei sensi (qualsiasi senso, inclusi odore e sapore, può essere influenzato);
  • fissare nel vuoto;
  • sensazione travolgente di gioia, paura o ansia;
  • movimenti ripetitivi, ad es. strofinare le mani, masticare o camminare;
  • rigidità muscolare;
  • spasmi o formicolio nei muscoli;
  • perdita di controllo dei muscoli che porta al collasso;
  • perdita di controllo della vescica e dell’intestino.

Ci sono casi in cui è richiesta un’immediata assistenza medica:

  • le convulsioni continuano per più di pochi minuti;
  • una persona è incosciente e non respira dopo che l’attacco è finito;
  • ripetute convulsioni con brevi intervalli;
  • febbre alta;
  • attacco in una donna incinta o in chi ha il diabete;
  • infortunio durante l’attacco (soprattutto se si tratta di una lesione alla testa).

[amazon_link asins=’8877117621,8880730959,8884071917,8856831678,8874424868,B075HB5R1M,8884342023′ template=’ProductCarousel’ store=’gianbolab-21′ marketplace=’IT’ link_id=’91dda575-68c8-11e8-bee4-cd5c2b676377′]

LE CAUSE DELL’EPILESSIA

La causa dell’epilessia rimane sconosciuta in circa il 50% dei casi.

In altri casi, la condizione può essere influenzata da fattori identificabili:

  • storia familiare di epilessia (questo fattore aumenta leggermente il rischio);
  • lesione cerebrale traumatica (TBI);
  • condizioni del cervello, compreso un ictus;
  • tumori cerebrali;
  • malattie infettive, tra cui meningite, encefalite virale e AIDS;
  • mancanza di ossigeno alla nascita e altri problemi che possono verificarsi durante la gravidanza e il parto;
  • abuso di sostanze.

COME GESTIRE L’EPILESSIA

Nella maggior parte dei casi, l’epilessia può controllata con farmaci anti-convulsioni, la stimolazione del nervo vago o un intervento chirurgico per rimuovere una parte del cervello o disconnetterne una parte dal resto dell’organo.

Molte persone trovano utile la dieta chetogenica. Questa dieta è ricca di grassi e povera di carboidrati ed è spesso usata per controllare il diabete. I medici consigliano anche alle persone con l’epilessia di identificare gli inneschi delle convulsione e di evitarli ogni volta che è possibile.

Il trattamento giusto può aiutare una persona con l’epilessia a limitare la frequenza delle convulsioni o addirittura ad andare in remissione.

Commenti