Dormire sul fianco diminuisce la mortalità del feto del 50%

C'è una cosa che le donne incinte possono fare per ridurre del 50% il rischio di morte per il bambino: dormire sul fianco durante il terzo trimestre.

0
97

C’è una cosa che le donne incinte possono fare per ridurre del 50% il rischio di morte per il bambino: dormire sul fianco durante il terzo trimestre.

Il britannico MiNESS (Midlands and North of England Stillbirth Study) ha esaminato più di mille gravidanze – 291 che si sono concluse con il bambino morto e 735 con uno vivo – e ha scoperto che le donne che hanno dormito sulla schiena hanno avuto 2,3 volte probabilità in più di subire la mortalità del piccolo (dopo 28 settimane di gestazione) rispetto a quelle che dormivano sul fianco.

La ricerca, recentemente pubblicata sul British Journal of Obstetrics and Gynecology, è il più grande studio che ha esaminato la relazione tra i modelli di sonno materno e il rischio della mortalità infantile.

Questo è uno studio importante che ha aggiunto al già numero cospicuo di prove ottenute durante il tempo che la posizione del sonno in tarda gravidanza è un fattore di rischio modificabile per la morte del bambino“, ha spiegato Edward Morris, vicepresidente per la qualità clinica presso il Royal College of Obstetricians and Gynecologists.

Questa nuova ricerca è molto positiva dato che un numero significativo di nati morti rimangono inspiegabili, in particolare quelli che sono avvenuti in tarda gravidanza“.

Nel Regno Unito, infatti, circa una gravidanza su 225 termina con un bambino nato morto. Negli Stati Uniti è una su ogni 100. Ma meno del 10% dei nati morti sono il risultato di una condizione predeterminata. Ciò significa che in oltre il 90% dei casi, i decessi possono essere prevenuti.

E secondo i ricercatori, fino a 130 bambini del Regno Unito potrebbero essere salvati ogni anno se le donne dormissero negli ultimi tre mesi di gravidanza sul fianco (questo consiglio vale anche per il sonnellino).

Secondo i ricercatori la posizione del sonno potrebbe essere influente perché il peso del bambino e dell’utero spinge sui vasi sanguigni verso il basso, limitando il flusso di sangue e dell’ossigeno verso il feto. Un’altra teoria è che dormire sulla schiena può disturbare lo schema di respirazione della madre.

Tuttavia, se una madre si sveglia sulla schiena, non bisogna farsi prendere dal panico.

Quello che non voglio è che le donne si sveglino sulla loro schiena e pensino ‘oh mio Dio ho fatto qualcosa di terribile al mio bambino‘”, ha affermato Alexander Heazell, direttore clinico presso il Tommy’s Stillbirth Research Center al St Mary’s Hospital di Manchester e autore principale dello studio.

La domanda che abbiamo posto è stata in quale posizione le persone sono andate a dormire e questo è importante in quanto si trascorre più tempo in quella posizione rispetto a qualsiasi altra. Inoltre, non puoi fare nulla per la posizione in cui ci si sveglia, ma si può fare qualcosa per quella in cui si va a dormire“.

Commenti