Diagnosi sbagliata, donna perde gli arti. Ora non crede più nei medici

Una madre di due bambini ha citato in giudizio un ospedale inglese dopo che i medici non si sarebbero resi conto di essere affetta da una condizione pericolosa per la vita, con conseguente amputazione multipla degli arti.

0
105

Una madre di due bambini ha citato in giudizio un ospedale inglese dopo che i medici non si sarebbero resi conto di essere affetta da una condizione pericolosa per la vita, con conseguente amputazione multipla degli arti.

Magdalena Malec, 31 anni, ha subito l’amputazione delle gambe dopo aver contratto la sepsi al Luton and Dunstable University Hospital di Luton, Regno Unito.

Alla donna sono stati rimossi anche il braccio destro e le dita delle mano sinistra

Rimossi anche il braccio destro e le dita della mano sinistra, un’operazione evitabile secondo i funzionari ospedalieri.

Tutto è cominciato nel dicembre 2014, quando Magdalena ha abortito poche settimane dopo aver appreso di essere incinta del suo terzo figlio.

Dopo essere stata dimessa dal Pronto Soccorso con antidolorifici per il sanguinamento e i crampi allo stomaco, Magdalena è tornata più in là in ospedale, quando ha scoperto di avere una gravidanza extrauterina e ha subito un intervento chirurgico d’urgenza. Alla donna, inoltre, doveva essere trapiantato anche un rene.

Dopo e prima.

Durante il recupero, Magdalena ha sviluppato un’ischemia negli arti (mancanza di afflusso di sangue). Gli arti, quindi, hanno sviluppato la cancrena e il tessuto corporeo è morto. Una situazione, secondo la donna, che si è verificata perché il personale ospedaliero non ha riconosciuto i segni premonitori della sepsi.

Sei mesi dopo la donna è stata sottoposta a un intervento chirurgico per rimuovere gli arti ed è tornata in ospedale tre volte a settimana per la dialisi.

Niente ripristinerà ciò che mi è stato tolto. Non metterò più lo smalto sulle mie unghie,  non potrò più fare una coda di cavallo ai capelli di mia figlia“, ha raccontato Magdalena Malec al The Telegraph. “Non mi fido più dei dottori e sono molto scettica su tutte le visite e le diagnosi mediche“.

Sto imparando a vivere con il dolore. Uscire e affrontare il modo in cui le persone mi guardano è molto difficile, così come l’auto-accettazione”, ha aggiunto la donna. 

L’avvocato della Malec, David Thomas, ha dichiarato: “La catena catastrofica di eventi che ha portato alle terribili ferite della mia assistita erano completamente evitabili se l’ospedale avesse seguito il protocollo collegato alla sepsi“.

Se diagnosticata precocemente – ha aggiunto il legale – la sepsi viene facilmente trattata con antibiotici ma, nonostante le recenti campagne di sensibilizzazione, si verificano ancora errori come questo. È tragico“.

Il Servizio Sanitario Nazionale britannico ha riconosciuto che si potevano evitare le amputazioni della Malec.

Commenti