Perché il cane mastica le pantofole e le sedie?

Il primo istinto potrebbe essere quello di sgridare il tuo amico a quattro zampe ma, prima di farlo, è importante capire perché i cani masticano le cose.

0
99

Hai un cane? Allora questo scenario ti sarà familiare: torni a casa da una lunga giornata di lavoro e trovi le pantofole ridotte a brandelli sul pavimento, l’interno dei cuscini ovunque e i segni dei denti sulle sedie.

Il primo istinto potrebbe essere quello di sgridare il tuo amico a quattro zampe ma, prima di farlo, è importante capire perché i cani masticano le cose.

Masticare, per un cane, è come un essere umano che apre una porta e guarda all’interno di una stanza“, ha spiegato Colin Tennant, presidente della U.K. Canine and Feline Behaviour Association.

Le persone sono ficcanaso e lo sono anche i cani ma indagano con le bocche perché non hanno mani“.

Tennant, che lavora sui problemi comportamentali del cane da 30 anni, ha spiegato che in casi estremi la cosiddetta ansia da separazione può peggiorare il problema. Si tratta del disagio psicologico che alcuni cani sperimentano quando vengono lasciati soli per un lungo periodo di tempo.

I cani sono animali da soma, a loro non piace essere lasciati da soli“, ha detto Tennant a Live Science. In particolare, “i cani che non sono abituati a stare da soli possono diventare ansiosi quando il branco è assente e possono mostrare comportamenti dannosi come masticare i mobili“, ha detto.

Tuttavia, anche un cane ben educato ed equilibrato può avere difficoltà a tenere le fauci lontane da certe cose, specialmente oggetti particolarmente attraenti, come le pantofole.

I cani masticano spesso le cose perché a loro piace il gusto o l’odore“, ha detto Tennant.

In una casa, gli odori che i cani trovano più attraenti sono quelli umani: le persone lasciano le scarpe che hanno un odore intenso“.

Inoltre, la forma e la composizione della scarpa è particolarmente invitante per i cani.

Le scarpe sono spesso fatte di pelle e questo ricorda al cane gli animali“, ha detto Tennant. “I cani mangiano animali, sono predatori“.

I mobili in legno possono essere altrettanto attraenti, in particolare per i cuccioli.

Se un cane mastica un bastone di legno nel giardino o in un parco, gli umani non si lamentano. L’animale, tuttavia, non distingue tra un pezzo di legno che si può masticare e uno proibito.

Il cane, invece, ha bisogno di essere addestrato per evitare oggetti a cui gli umani attribuiscono valore e gli devono essere offerte delle alternative.

L’errore più comune – ha spiegato Tennant – è pensare che basti acquistare un giocattolo per evitare che il cane mastichi altro. Non lo farà, un giocattolo potrebbe odorare di plastica, che non è necessariamente gradevole, mentre la puzza di una scarpa è un odore fantastico“.

Ciò significa che spetta all’uomo insegnare al cane a disfarsi delle scarpe puzzolenti e preferire il giocattolo sterile. Un modo per farlo, ha detto Tennant, è usare i giochi da caccia per rafforzare la relazione tra il giocattolo e il cane.

Lanciare il giocattolo è un modo per insegnare al cane che è attraente“, ha spiegato Tennant.

Qualunque cosa mastichino i cani, è importante educarli immediatamente. Qualsiasi rimprovero dato, dopo aver fermato l’azione indesiderata, non avrà alcun effetto sul comportamento futuro di un cane.

I cani vivono nel momento“, ha detto Tennant. “Se gli urli contro mezz’ora dopo aver distrutto qualcosa, l’unica cosa che imparerebbero è che a volte ti comporti da pazzo“.

L’equivoco più dannoso, infatti, è che le persone credano che i cani comprendano le conseguenze delle loro azioni passate, ha detto Tennant.

L’espressione colpevole confonde i proprietari ma succede solo perché al cane non piace essere sgridato.

Commenti