Attenzione alla tua pancia. Scoperto legame con la demenza

Le demenze, compreso l'Alzheimer, rappresentano una preoccupazione crescente. E ciò perché l'età media della popolazione aumenta costantemente.

0
1282
obesa

Le demenze, compreso l’Alzheimer, rappresentano una preoccupazione crescente. E ciò perché l’età media della popolazione aumenta costantemente.

Attualmente, si stima che 47 milioni di persone in tutto il mondo siano affette da demenza e si prevede che questo numero salirà a 75 milioni entro il 2030.

Comprendere i fattori di rischio coinvolti in queste condizioni è importante: ci fornisce le informazioni sugli interventi potenziali per aiutare a ridurre il rischio di demenza in via di sviluppo man mano che invecchiamo. Uno di questi fattori di rischio è l’obesità.

Studi precedenti hanno riscontrato dei deficit nelle funzioni cognitive negli adulti in soprappeso ma senza approfondire il nesso di causalità.

Di recente, però, per cercare di saperne di più, si è formato un team di studiosi del St. James’ Hospital, del Trinity College di Dublino e del Nutrition Innovation Center for Food and Health dell’Università di Ulster (Irlanda).

La ricerca si è basata sui dati del Trinity Ulster Department of Agriculture, contenenti informazioni su migliaia di adulti oltre i 60 anni dell’Irlanda e dell’Irlanda del Nord.

Ciascuno dei 5.186 partecipanti è stato valutato tramite una serie di test cognitivi. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista British Journal of Nutrition.

Una volta completata l’analisi, sono state appurate prestazioni cognitive ridotte negli individui con un rapporto vita – fianchi più alto.

È interessante notare che le misurazioni più elevate dell’indice di massa corporea (IMC) non sono sempre coincise con prestazioni cognitive inferiori. I ricercatori sostengono che ciò possa essere dovuto al fatto che l’IMC non è sempre una misura affidabile del grasso corporeo perché prende in considerazione soltanto il peso e l’altezza.

Ad esempio, i bodybuilder hanno un IMC elevato ma un grasso corporeo molto ridotto.

Inoltre, in una popolazione più anziana, l’IMC non tiene conto di fattori come il restringimento e il collasso vertebrale, che possono influenzare l’altezza complessiva ma influenzare le persone in modo diverso.

Gli scienziati ritengono che l’impatto del grasso della pancia sulle capacità cognitive potrebbe essere dovuto alla secrezione incrementata di marcatori infiammatori – in particolare, la proteina C-reattiva. Questa sostanza chimica è prodotta in risposta ai segnali inviati dalle cellule adipose e i livelli più elevati sono stati associati in passato al declino delle prestazioni cognitive.

Vale la pena notare, inoltre, che gli studi indicano che i livelli dei marcatori infiammatori nel sangue hanno mostrato un aumento nel periodo precedente la demenza, prima della comparsa dei sintomi.

Un’altra molecola che sembra essere importante è l’emoglobina A1C (HbA1C). Infatti, quando i ricercatori hanno controllato i livelli di HbA1C nello studio, l’effetto significativo del grasso della pancia sulla cognizione era scomparso.

L’HbA1C è una forma di emoglobina che viene utilizzata per valutare le concentrazioni medie di glucosio nel sangue nelle persone con il diabete. Le capacità cognitive ridotte sono state precedentemente misurate in chi soffre di diabete, forse a causa della sensibilità all’insulina nell’ippocampo, coinvolto nella conservazione della memoria.

Dal momento che sia ​​l’obesità sia il declino cognitivo rappresentano un onere così enorme per gli individui e la società in generale, questo studio è molto importante. Potenzialmente, riducendo i livelli di obesità, potrebbe diminuire anche la prevalenza della demenza.

Commenti