6 cibi da evitare se si soffre di colite

Chi soffre della Sindrome dell'Intestino Irritabile non può mangiare tutto ma occorre che stia alla larga da certi alimenti.

0
13775

Una dieta sana, in genere, consiste nel mangiare una grande varietà di cibi nutrienti.

Se, però, si soffre della Sindrome dell’Intestino Irritabile (SII), bisogna stare molto attenti all’alimentazione, perché i sintomi appaiono proprio dopo aver mangiato alcuni cibi.

Tuttavia, poiché i sintomi variano da persona a persona, non esiste una lista di alimenti da evitare uguale per chiunque.

In linea generale, però, ci sono alcuni cibi da cui è meglio tenersi alla larga in caso di colite.

FIBRA INSOLUBILE

La fibra aggiunge massa sana alla dieta e, in natura, la troviamo in frutta, verdura e cereali integrali.

La fibra, però, causa anche la diarrea: mangiarne troppa, quindi, può aumentare il numero delle volte in cui bisogna ricorrere al bagno.

Quindi, è opportuno rifuggire dai grani, come farina d’avena e orzo; verdure con radici, come le carote; frutti come bacche, mango, arancia e pompelmo; legumi come i piselli.

GLUTINE

Prodotti contenenti segale, grano e orzo hanno in sé anche il glutine, proteina a cui molte persone sono allergiche.

In questo caso si parla di celiachia e può causare sintomi quali la diarrea, predominante anche in chi soffre di SII.

In effetti, molta gente che soffre della Sindrome dell’Intestino irritabile è anche intollerante al glutine.

La celiachia, in sintesi, è un disturbo autoimmune che si verifica in alcuni individui come reazione all’ingestione del glutine. Può causare cambiamenti nelle cellule intestinali, determinando un cattivo assorbimento delle sostanze nutritive.

Nei supermercati si trovano tanti prodotti senza glutine, consigliati anche per chi soffre di SII.

Quindi, se proprio non si può fare a meno di pizza, pasta, dolci o biscotti, si possono sostituire con quelli senza glutine.

LATTE

Il latte è problematico per due motivi. In primo luogo, contiene grassi che possono causare la diarrea. Di conseguenza, potrebbe essere necessario optare per latticini con una bassa percentuale di grassi o non grassi per diminuire i sintomi.

In secondo luogo, molte persone con la Sindrome dell’Intestino Irritabile sono intolleranti al lattosio. Ciò significa che non possono digerire il lattosio presente nei prodotti lattiero – caseari.

Tuttavia, si possono mangiare lo yogurt o prodotti a base di latte di soia.

FRITTI

Il consumo di patatine fritte e altri cibi fritti va assolutamente moderato. L’elevato contenuto di grassi, infatti, può essere problematico per chi soffre di SII.

Meglio preferire cibi grigliati o cotti.

FAGIOLI

I fagioli sono generalmente una grande fonte di proteine e fibre ma possono causare i sintomi tipici della Sindrome dell’Intestino Irritabile.

I fagioli aiutano sì la stitichezza ma provocano anche gonfiori e crampi intestinali.

Ecco perché questi legumi vanno inseriti nella lista degli alimenti da evitare.

CAFFÉ

In molti bevono caffè almeno una volta al giorno, soprattutto di mattina. Ma, come tutte le bevande contenenti caffeina, il caffè ha un effetto stimolante sull’intestino, capace di causare la diarrea.

Il caffè, quindi, dovrebbe essere bandito dalle azioni quotidiane di chi è affetto da SII.

Lo stesso vale per le bibite, come la Coca Cola, e le bevande energetiche, come la Red Bull.

Commenti